Ha effettuato il suo primo volo, sorvolando per 29 minuti la base aerea di Edwards, in California, il capostipite di quelli che saranno, in futuro, i nuovi aerei militari. L’X-47B UCAS (Unmanned Combat Air System) sviluppato dalla Northrop Grumman (azienda specializzata nella realizzazione di velivoli militari e armamenti) è infatti il primo aereo da combattimento senza pilota: insomma, è un UAV controllato da remoto (… magari da 10.000 chilometri di distanza) che, oltretutto, è di  tipo Stealth (invisibile ai radar) ed in grado di decollare ed atterrare da solo da una portaerei.
Il primo volo arriva al termine di numerose prove statiche e in movimento sulla pista per convalidare l’aerodinamica, la propulsione, nonché la robustezza e l’affidabilità del software che gli permette di operare in autonomia e, in futuro, appunto, anche di decollare ed atterrare sul ponte di una portaerei.
Ecco le spettacolari immagini del primo volo:


Durante il volo di prova l’X-47B è salito a 5.000 piedi, dove sono stati testati la manovrabilità ed i sistemi di guida e navigazione.
L’aereo rimarrà alla base di Edwards almeno fino alla fine di quest’anno per ulteriori prove e test, prima di venire consegnato alla Naval Air Station Patuxent River, dove inizierà una seconda campagna di test per accertarne il grado di prontezza e la resistenza in ambiente marittimo, in vista del suo schieramento a bordo di una portaerei, previsto per il 2013.
Il programma X-47B intende dimostrare la possibilità di lancio e recupero dalle portaerei di un velivolo a pilotaggio remoto con caratteristiche di bassa osservabilità, in grado di compiere una missione di attacco e ritornare autonomamente a bordo della nave. Dopo l’integrazione, il collaudo e le prove condotte nell’ambiente operativo navale, verrà sottoposto anche a prove di rifornimento autonomo in volo.
http://www.as.northropgrumman.com/