Rispettando le previsioni, il mese scorso è diventato operativo anche per l’assistenza al volo il sistema europeo EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay Service) che consente di aumentare la precisione delle reti di posizionamento satellitari GNSS, al momento di quella americana GPS ed in futuro di quella europea GALILEO.
EGNOS migliora l’accuratezza del posizionamento – sia sul piano verticale che su quello orizzontale – riducendo gli errori da circa 10-20 metri ad appena 1-2 metri, sopra tutto il territorio dell’Unione Europea e su buona parte del Mediterraneo.  Il nuovo sistema satellitare, frutto della collaborazione fra la Commissione europea, l’ESA e Eurocontrol (l’organizzazione che controlla la sicurezza aerea in Europa), utilizza tre satelliti geostazionari, quattro centri di controllo principali e circa quaranta stazioni a terra che elaborano i segnali inviati dai satelliti statunitensi GPS.
Recentemente sul sito Euronews è stato pubblicato un bellissimo video – con commento in italiano – che illustra il funzionamento del nuovo sistema Egnos:

Altri due video (in lingua inglese) sono disponibili sul sito della comunità europea. Il primo illustra l’apporto del sistema Egnos in campo aeronautico:

Il secondo illustra le prove col nuovo sistema presso l’aeroporto di Pau (Francia):

Il servizio è offerto gratuitamente ad aziende e cittadini. Basta disporre di ricevitori compatibili, come sono la maggior parte di quelli presenti oggi sul mercato.  Tra i vantaggi, le applicazioni nell’aviazione civile, nel traffico marittimo, nel soccorso alpino e in mare e in agricoltura.
In generale, la maggiore accuratezza del segnale consentirà di semplificare le operazioni di atterraggio dei velivoli, consentendo un traffico più intenso e più sicuro soprattutto nei piccoli aeroporti. In caso di valanghe, sarà molto più facile e più rapido individuare il punto quasi esatto in cui scavare per soccorrere le vittime. In agricoltura, si potranno usare meno pesticidi garantendo un passaggio più preciso dei trattori sugli appezzamenti di terreno, senza sovrapposizioni. EGNOS promette anche di migliorare il pedaggio stradale automatico o i sistemi di assicurazione auto “pay-per-use”.

EGNOS è il primo passo dell’Europa nel settore ad altissima tecnologia della navigazione satellitare; il passo decisivo sarà la messa in funzione del sistema interamente europeo di navigazione satellitare con copertura globale, GALILEO che, ad oggi, è in ritardo di circa sei anni rispetto alla tabella di marcia: il lancio del primo satellite è previsto per ottobre 2012. GALILEO utilizzerà 30 satelliti orbitanti su 3 piani inclinati rispetto al piano equatoriale terrestre,  ad una quota di circa 24.000 km