All’ottavo Congresso Europeo ITS che si è svolto a Lione, NAVTEQ ha presentato in anteprima mondiali i suoi servizi di informazione sul traffico in formato TPEG.
La sigla TPEG, acronimo di “Transport Protocol Experts Group”, indica una famiglia di protocolli che promettono di abbattere in maniera significativa i costi legati alla trasmissione di dati di traffico e di altri contenuti dinamici ad automobili e dispositivi mobili. Il nuovo standard, sostanzialmente, è in grado di trasmettere un numero maggiore di dati, potenzialmente più funzionali e flessibili e, al contempo, di ridurre in maniera considerevole le dimensioni dei file e i costi legati alla trasmissione dei dati. Il carico utile di dati compatti basati su http può essere inviato nei formati di distribuzione 3G, HD e XML, oltre che tramite altri metodi di trasmissione e di comunicazione connessa.
La novità presentata da NAVTEQ consente la distribuzione di dati compressi a basso costo e la trasmissione di aggiornamenti delta e contenuti di prossimità, così che gli utenti possano ricevere e pagare soltanto i dati rilevanti per loro. I servizi per il traffico basati sullo standard TPEG offrono una serie di vantaggi quali:

  • Autenticazione dell’utente
  • Gestione della sessione, per monitorare soltanto le modifiche apportate ai dati di traffico e ai sistemi di trasmissione (aggiornamenti delta)
  • Funzioni di ricerca radiale, per trasmettere soltanto i dati relativi all’area in cui si trova l’utente, così da abbattere i costi
  • Trasmissione di file zip: file compressi per una banda ridotta
  • Trasmissione ibrida: via HD, se disponibile, oppure in formato TPEG tramite http in aree non coperte da HD

La tecnologia TPEG è stata sviluppata nel corso dell’ultimo decennio all’interno del Forum TPEG ed è certificata ISO/CEN. Tra i principali benefici che essa offre figurano:

  • Implementazione unica e manutenzione più semplice dei flussi di contenuti dinamici all’interno del portafoglio prodotti del cliente
  • Copertura stradale più ampia rispetto alla limitatezza dei dati trasmessi attraverso i bollettini sul traffico
  • Sistema ottimizzato per la trasmissione di contenuti extra, come ad esempio le previsioni del traffico
  • Set di attributi più ricco, per aiutare a identificare meglio la natura di determinati incidenti che potrebbero influire sulla precisione dei dati di traffico e su informazioni fondamentali per gli automobilisti, come ad esempio l’ora di arrivo prevista

Attualmente NAVTEQ offre servizi accurati al maggior numero di utenti nel maggior numero di paesi del mondo rispetto a qualsiasi altro provider. Basati su svariate reti di raccolta dati esistenti, i servizi per il traffico NAVTEQ utilizzano svariati database con informazioni rilevate da sensori destinate ad applicazioni commerciali e consumer, oltre alla più vasta rete a livello globale di sensori fissi di proprietà, il tutto integrato da miliardi di dati storici e da dati di eventi forniti da enti governativi. Lo scorso febbraio, l’ente indipendente di certificazione TÜV Rheinland ha conferito il marchio di qualità più elevato ai servizi NAVTEQ Traffic™ e NAVTEQ Traffic Pro® per la Germania, grazie alla loro capacità di rilevare il 95% degli ingorghi stradali nel luogo e nel momento stesso in cui si verificano.
http://www.navteq.com/