Freescale Semiconductor ha lanciato un nuovo microcontrollore Qorivva a 32 bit (MCU) basato su tecnologia Power Architecture(R) e concepito per rendere più economici e accessibili a una più vasta gamma di veicoli i sistemi di parcheggio assistito a telecamere surround, normalmente installati sulle automobili di lusso più costose. L’MCU Qorivva MPC5604E a 32 bit trasmette dati video compressi ad alta risoluzione tramite Fast Ethernet, offrendo una visuale a 360° tutt’attorno al veicolo, per un parcheggio più facile e più sicuro. Normalmente, per la trasmissione video un veicolo necessita di quattro o cinque cavi di segnalazione differenziale a bassa tensione che costano circa $10 (USD) l’uno. Comprimendo e trasmettendo i segnali video via Ethernet, si elimina la necessità di cavi e si risparmia sul costo dei materiali.
Utilizzando i network Ethernet a due fili, le case automobilistiche possono contenere i costi di materiale e ridurre il peso, migliorando nel contempo le prestazioni. L’adozione di Ethernet è un passo importante della migrazione da un’applicazione chiusa a un network di assistenza al conducente aperto e scalabile, nel quale diversi sistemi possono facilmente ricevere informazioni da un sensore.
Freescale è impegnata a offrire soluzioni di elaborazione embedded che aiutino le case automobilistiche a ridurre i loro costi e ad ampliare l’offerta di sistemi di sicurezza avanzati per i consumatori,” ha affermato Ray Cornyn, responsabile della divisione Automotive MCU di Freescale. “Questa nuovissima MCU del nostro portafoglio di MCU Qorivva a 32 bit aiuterà l’industria automobilistica a diffondere i sistemi di parcheggio assistito a 360° a una fetta più ampia della fascia principale di mercato.
L’MCU Qorivva a 32 bit di Freescale è alloggiata accanto alle varie telecamere installate tutt’attorno al veicolo, consentendo così un’interfaccia diretta con un sensore d’immagine CMOS. Una volta catturate le immagini video, i dati video vengono compressi tramite compressione Motion JPEG a bassissima latenza, quindi trasmessi attraverso il cavo Ethernet a 2 fili. La marcatura temporale conforme ad AVB assistita da hardware contribuisce ad assicurare un’accurata comunicazione in tempo reale, nonché la sincronizzazione dell’esposizione della telecamera.
Freescale e BMW hanno collaborato alla definizione di varie generazioni di MCU destinate al networking automobilistico,” ha affermato Thomas Koenigseder, architetto di sistemi senior, Networks di BMW. “L’MPC5604E è il risultato della più recente collaborazione tra le due società e contribuirà a imporre Ethernet quale soluzione affidabile a lungo termine per la trasmissione di video e di altre forme di dati all’interno del perimetro dell’automobile.” 
L’MCU Qorivva MPC5604E a 32 bit estende il portafoglio di MCU di Freescale concepito per il mercato in rapida crescita dei cosiddetti sistemi avanzati di assistenza al conducente (Advanced Driver Assistance Systems – ADAS). A marzo Freescale ha lanciato la famiglia Qorivva MPC567xK, dedicata ai sistemi avanzati di assistenza al conducente, e la famiglia Qorivva MPC56xB/C/D concepita per ridurre in modo significativo i rischi per la sicurezza prodotti dalla manomissione dell’elettronica automobilistica. 
Ogni MCU Qorivva a 32 bit viene fornita corredata di una soluzione software run-time completa, nonché di suite di driver AUTOSAR MCAL e di sistema operativo real-time AUTOSAR per MCU single-core e multicore. Le MCU Qorivva sono supportate anche da strumenti di sviluppo che comprendono compilatori ad alte prestazioni e debugger multicore realizzati dai partner di sviluppo di Freescale e dal Code Warrior development studio di Freescale.
Le profonde radici di Freescale nell’industria dell’elettronica automobilistica sono evidenziate dalla partecipazione dell’azienda a numerosi consorzi industriali. Freescale è membro fondatore dei consorzi DSI, FlexRay(TM) e LIN, membro onorario di AUTOSAR e membro attivo dei consorzi PSI5, JASPAR e GENIVI. I prodotti Power Architecture di Freescale sono supportati anche dai laboratori di sistemi globali e dai servizi di personalizzazione software dell’azienda.
http://www.freescale.com/