YouTube

Era uno degli interventi più attesi, quello di Massimo Banzi al World Wide Rome, insieme a quelli di Chris Anderson e Dale Dougherty. E le aspettative non sono andate deluse. Banzi ha ripercorso le tappe della sua vita, dalle prime esperienze da bambino con un kit elettronico della Braun degli anni ’60, all’Istituto Tecnico frequentato da ragazzo, alla Facoltà di Ingegneria, abbandonata dopo qualche anno per andare a Londra a lavorare. E della sua vita di maker, fin da ragazzo, che cercava di realizzare e di mettere in pratica tutte le cose studiate in teoria.
Una serie di scelte illogiche, lontanissime dai canoni tradizionali, dalla vita in giacca e cravatta, che lo hanno portato dopo molti anni a insegnare alla scuola di Interaction Design di Ivrea dove è nato il progetto Arduino.
Per quanti non hanno potuto assistere di persona al suo intervento a Roma, ecco il video del suo interessante racconto.