MAX78700_MAX78615_image_final

I progettisti hanno oggi la possibilità di integrare nei loro sistemi le funzioni di misura dei consumi di energia elettrica AC o DC, su qualunque fase, senza la necessità di ingombranti sensori, optoisolatori o di un alimentatore supplementare per il sottosistema di misura. È sufficiente utilizzare il chipset MAX78700/MAX78615+LMU di Maxim Integrated Products, Inc.  una soluzione compatta per misure di energia che garantisce l’isolamento elettrico ed è dotata di firmware pre-caricato.
Incorporare nei progetti le funzioni di misura ad alta tensione AC (o DC) rappresenta una sfida difficile. Come per i contatori delle utenze elettriche, anche nei sistemi embedded deve essere mantenuto l’isolamento tra le diverse fasi, il che tradizionalmente viene ottenuto utilizzando ingombranti sensori di corrente. Nella maggior parte delle altre applicazioni, tuttavia, per soddisfare gli standard di sicurezza è spesso richiesto un completo isolamento galvanico dal resto del sistema. Ciò richiede ulteriori componenti di isolamento che penalizzano sia le dimensioni sia il costo del sistema.

Il chipset MAX78700/MAX78615 risponde a queste sfide grazie ad un’esclusiva interfaccia isolata tra il dominio analogico (MAX78700) ed il dominio digitale (MAX78615), realizzando una soluzione che richiede un solo trasformatore di impulsi. Questo approccio innovativo consente di ridurre notevolmente le dimensioni, la complessità ed il costo del sottosistema di misura. La soluzione comprende anche la memoria non volatile ed il firmware pre-caricato specifico per l’applicazione, costituendo quindi un sottosistema di misura autonomo già pronto per l’integrazione in qualunque sistema. Il chipset è ideale per applicazioni quali inverter fotovoltaici, data center, illuminazione delle aree esterne, sistemi di energia rinnovabile e smart grid.

MAX78615-MAX78700 Chipset PR graphic_diagram
Principali vantaggi

  • Alto livello di integrazione: la soluzione integra la memoria non volatile, il firmware di misura con possibilità di upgrade, l’alimentazione isolata per un massimo di tre MAX78700 (da un unico MAX78615), ed un percorso dati isolato tra gli IC che impiega un solo trasformatore di impulsi.
  • Flessibilità: il chipset MAX78700/MAX78615 può raggiungere valori di isolamento di migliaia di Volt e contiene firmware specifico per una vasta gamma di applicazioni di misura dell’energia.
  • Riduzione delle dimensioni: viene eliminata la necessità di un alimentatore isolato e di ingombranti trasformatori per i sensori.
  • Riduzione del time to market: il firmware pre-caricato, con possibilità di upgrade sul campo, esegue tutte le necessarie funzioni di elaborazione dei segnali, compensazione e formattazione dei dati, fornendo una misura precisa in tempo reale.

Aggiungere funzioni di misura dell’energia ad applicazioni esistenti può essere molto difficile”, ha affermato Kris Ardis, direttore esecutivo del settore Energy Solutions di Maxim Integrated. “I progettisti non vogliono cambiare l’architettura di alimentazione né utilizzare sensori costosi, ma devono comunque conformarsi alle norme di sicurezza e rispettare i vincoli dimensionali. La soluzione MAX78700/MAX78615 garantisce l’isolamento e risponde a tutti questi problemi offrendo un sottosistema di misura pronto per l’uso, che non richiede molto spazio né molto lavoro di integrazione”.

Il processore MAX78615 è disponibile in contenitore 24 pin TQFN mentre l’ADC multicanale MAX78700 è disponibile in un piccolo contenitore µMAX® a 10 pin.

Maxim Integrated presenterà il chipset MAX78700/MAX78615 in occasione della European Utility Week (padiglione 1, B34), che si terrà ad Amsterdam dal 15 al 17 ottobre 2013. A questa fiera Maxim illustrerà anche altre soluzioni di misura dell’energia ad alto livello di integrazione, tra cui una completa piattaforma di riferimento per contatori intelligenti, demo riguardanti la misura dei consumi energetici domestici e l’illuminazione, ed un sistema di automazione della distribuzione.

www.maximintegrated.com