mp1800

Anritsu ha annunciato la disponibilità di una nuova scheda ricevitore ad alta sensibilità e il rilascio di numerose migliorie per il proprio analizzatore di qualità del segnale (QSA) e BERT MP1800A, ora operativo fino a 32,1 Gbit/s e ancora più performante per il collaudo di backplane, cavi e interconnessioni utilizzati nelle apparecchiature di rete operanti a elevatissima velocità della prossima generazione.
Grazie a una sensibilità in ricezione pari a 10mV (valore tipico), abbinata a una funzione di auto-regolazione molto veloce, MP1800A corredato con la nuova scheda ricevitore ad alta sensibilità per la rilevazione di errori (ED – Error Detector) mette a disposizione dei tecnici che si occupano di signal integrity una soluzione di test accurata per verificare la conformità dei componenti agli standard industriali nelle applicazioni di trasmissioni ad alta velocità, come ad esempio 100GBASE-SR4 e 100GBASE-KR4.

 

In grado di operare ad una velocità di trasferimento (bit rate) comprese tra 2,4Gbit/s e 32,1Gbit/s, la nuova scheda ricevitore ad alta sensibilità dispone di una funzione di autoregolazione che permette di effettuare sintonizzazioni in un tempo inferiore al secondo e rileva automaticamente la soglia della tensione di BER ottimale (che permette di distinguere se un campione è 0 oppure 1) e i livelli di fase per un massimo di otto canali contemporaneamente. Ciò si traduce in un miglioramento dell’efficienza del processo di test e in una riduzione del costo dello stesso.

 

Le nuove funzionalità integrate in MP1800A supportano la misura simultanea su più canali di segnali con diagramma a occhio (eye opening) e ampiezza anche molto ridotte.

Contemporaneamente Anritsu commercializza anche un’estensione a 32 Gbit/s (opzionale) per il proprio MP1825B 4Tap Emphasis, un generatore di pre-enfasi a 4 stadi (tap) che, grazie all’elevata velocità e al basso jitter, consente di creare enfasi in grado di soddisfare le specifiche di qualsiasi standard industriale. MP1825B con questa nuova opzione può essere configurato con MP1800A allo scopo di misurare in modo accurato le prestazioni delle interconnessioni utilizzate nelle applicazioni di networking a elevate velocità.

 

Al fine di ridurre i tempi di sviluppo il software di controllo MP1825B calcola in maniera automatica le impostazioni ottimali dell’enfasi sulla base dei parametri S21 generati a partire dalla misure effettuate con un analizzatore di rete vettoriale (VNA) o con un simulatore che sfrutta la funzione di ottimizzazione dell’enfasi (Emphasis Optimization). L’utilizzo di questo software, abbinato alle elevate prestazioni offerte da MP1825B, assicura misure precise in tempi ridotti.

 

Oltre alla nuova opzione di enfasi, Anritsu commercializza anche un nuovo convertitore PAM8 per la generazione di segnali multilivello tramite MP1800A, che va ad aggiungersi alla funzione di conversione PAM4 già disponibile. In questo modo MP1800A è in grado di supportare la generazione di segnali PAM (Pulse Amplitude Modulation) a 4 o 8 livelli, ottenuti modulando 2 (PAM4) o 3 (PAM8) segnali di partenza, ciascuno con velocità fino a 32,1 Gbit/s.

 

Il BERT MP1800A e i convertitori PAM4/PAM8 sono gli strumenti ideali per tutti coloro che si occupano di signal integrity e sono coinvolti nello sviluppo di reti avanzate, come ad esempio i super-canali, necessarie per far fronte all’esponenziale incremento del traffico dati imputabile alla diffusione di applicazioni quali cloud computing, servizi LTE e streaming video. MP1800A, integrato con i convertitori PAM4 o PAM8, permette di verificare le prestazioni di più canali sincronizzati, comuni in questi progetti ad alta velocità.

www.anritsu.com