FLL_Finale2014

Inizia oggi a Rovereto (TN) la finale nazionale della First Lego League cui parteciperanno i team che hanno superato le qualificazioni regionali che si sono svolte il 18 gennaio a Pistoia per il Centro Italia, il 26 gennaio a Cuneo (per il Nord-Ovest), il 2 febbraio a Udine (per il Nord-Est) e il 6 febbraio a Catania per il Sud Italia.

FIRST LEGO League è una manifestazione nata per promuovere la robotica educativa ed è il risultato della collaborazione tra FIRST (For Inspiration and Recognition of Science and Technology) e il gruppo LEGO. È un campionato a squadre, tra giovanissimi (dai 9 ai 16 anni) che progettano, costruiscono e programmano robot autonomi; in realtà è un progetto di più ampie dimensioni, che aiuta i giovani a scoprire il divertimento nella scienza e nella tecnologia, sviluppando nel contempo autostima, conoscenza e competenze valide per il lavoro e per la vita. FLL sfida i giovani a pensare come scienziati e ingegneri: insieme a tutor adulti, le squadre della FLL risolvono problemi reali usando concetti ingegneristici e matematici e servendosi di tecnologie LEGO.

FLL si disputa in tutto il mondo e attualmente coinvolge 61 nazioni appartenenti a 5 continenti; le qualificazioni partono dalla fase regionale, per proseguire in quella nazionale che fornisce l’accesso alle manifestazioni internazionali, continentali e mondiali. I team che si aggiudicheranno la FLL Italia parteciperanno alla finale mondiale – World Festival – prevista dal 23 al 26 aprile a St. Louis (Stati Uniti).

Quest’anno la competizione prende il nome di Nature’s Fury e prevede che le squadre partecipanti debbano identificare una comunità che potrebbe subire una possibile calamità naturale, identificare un problema che va affrontato quando si verifica il disastro e sviluppare una soluzione innovativa che aiuti le persone a prepararsi all’evento, a rimanere al sicuro e a ricostruire.

NatFuryLogo

La manifestazione si articola in tre prove, la prima delle quali è la gara di robotica: le squadre dovranno realizzare e programmare un robot autonomo che realizzi il maggior numero delle missioni presenti sul tavolo di gara in 150 secondi (il percorso di gara viene fornito ai concorrenti almeno due mesi prima, in modo che questi possano testare le soluzioni adottate con largo anticipo e scegliere la strategia di gara adeguata); la seconda prova prevede la documentazione e presentazione delle soluzioni robotiche adottate a una giuria di esperti (il team presenta con la modalità che preferisce le soluzioni adottate per risolvere alcune missioni rispondendo ai quesiti dei giurati ed effettuando dimostrazioni del funzionamento del robot). La prova conclusiva consiste nella realizzazione e presentazione di una ricerca scientifica sulla tematica assegnata.

Ai fini della classifica ogni prova ha lo stesso peso, risulterà quindi ai primi posti il team che avrà ben figurato nelle tre prove e si sarà distinto per il rispetto dei valori fondamentali (core values) della manifestazione.

I team che si contenderanno in questi due giorni di gare l’accesso alla finale di Sanit Louis e che si sono qualificati nei mesi scorsi sono i seguenti:

Flood Buster – Pistoia
DBP Team Mirandola – Mirandola (MO)
Erre come Robot – Lari (PI)
Miccorobokids – Pistoia
2 E_xtreme – Bolzano
Droid Team – Pistoia
Maserati – Voghera (PV)
Maserati 1.0 – Voghera (PV)
Melting Pot – Genova
Firestorm – Piacenza
VVCalci – Calci (PI)
Calasanzio – Genova
Banditis – Piacenza
Liceo Rosmini Team A – Rovereto (TN)
The Legend is Now – Bolzano
GAF – Trento
Liceo Rosmini Team B – Rovereto (TN)
Rairob – Bolzano
Scarcerle A – Padova
Robotwood – Mogliano Veneto (TV)
Marconi B – Rovereto (TN)
Galilei – Mirandola (MO)
Pluchirobot – Sant’Agata Li Battiati (CT)
Villaggio dei ragazzi – Maddaloni (CE)
Sigonella Robotics Team – Motta S.Anastasia (CT)
Bosco Alife Deltacon – Caserta

Questo il programma delle due giornate di gare:

Venerdì 14 marzo

8.30-10.30 Registrazione e accoglienza squadre
10.00 -11.00 Riunione generale giurie
10.45 – 11.30 Riunione Coach
11.30 – 12.30 Inaugurazione
13.00 – 14.30 Pausa pranzo
14.30 – 16.00 Esposizione progetti scientifici, tecnica e core values
15.00 – 17.00 Apertura tavoli riscaldamento in vista del 1° Round
16.00 Si fermano le esposizioni presso le giurie
16.30 Inizio 1° Round del Robot Game
17.30 Conclusione prima giornata
14.30 – 16.30 A turno, visita guidata all’unità mobile della Protezione Civile in Corso Bettini e agli stand degli istituti Scientifici e robotici in Piazza del Mart. In esposizione, bracci robotici, umanoidi, robot spaziali e robot quadrupedi. 

Sabato 15 marzo

9.00 -10.30 Apertura tavoli riscaldamento in vista del 2° Round
9.30 -11.15 Esposizione progetti scientifici, tecnica e core values
9.00 – 11.30 A turno, visita guidata all’unità mobile della Protezione civile in Corso Bettini. 
10.30-11.00 Chiusura temporanea tavoli riscaldamento
10.30 – 11.00 Spazio Protezione Civile. Il responsabile per il Trentino Gianfranco Cesarini Sforza illustra ai ragazzi l’importante attività della protezione civile sui luoghi dove si abbatte la ‘Furia della Natura’
11.00 – 12.15 Riapertura tavoli riscaldamento in vista del 2° Round
11.15 Termine delle esposizioni alle giurie
11.30 – 12.30 2° Round
12.30 – 13.45 Pausa pranzo presso il tendone antistante il Palazzetto
13.30 – 15.00 Apertura tavoli riscaldamento in vista del 3° Round
14.00 – 15.00 Prima riunione presidenti delle giurie
14.30 – 15.30 3° Round
15.30 – 16.00 Apertura tavoli riscaldamento in vista del 3° round. 
15.25 – 16.25 Riunione finale presidenti delle giurie
15.30 – 16.15 Esposizione delle due migliori relazioni scientifiche ed esposizione del progetto del Gruppo della Val di Fassa
16.15 – 16.30 Final Four Robotica
16.30 – 17.30 Cerimonia finale di premiazione

www.fll-italia.it