FOCA-

Un team di scienziati dell’università dell’Illinois, studiando il ruolo ricoperto dalle vibrisse, utilizzate da alcuni animali per orientarsi di notte negli ambienti bui, ha messo a punto un dispositivo utile per l’orientamento dei robot.

I baffi giocano un ruolo vitale per l’esplorazione e la vita stessa di tanti animali: “Per esempio, le foche riescono a catturare pesci al buio seguendo le scie idrodinamiche catturate dalle vibrisse”, puntualizza Cagdas Tuna, uno degli autori dello studio pubblicato sulla rivista Bioinspiration and Biomimetics.

Il dispositivo messo a punto è formato da cinque fibre di nitinol, una lega di nichel e titanio che in seguito ad una deformazione meccanica o termica riacquista la forma di partenza, molto elastiche e ricoperte da cannucce di plastica lunghe 15 cm.

Degli estensimetri registrano il movimento dei baffi in un fluido e i dati raccolti vengono poi utilizzati per ricostruire un’immagine del flusso del fluido attorno allo strumento.

Il nuovo sistema potrebbe essere impiegato nella navigazione di veicoli marini in acque con poca visibilità o negli interventi chirurgici.

Fonte: IOP