airbus2

Airbus è al lavoro per tagliare le emissioni inquinanti di Co2 grazie alla stampa 3D. Per il momento l’azienda è impegnata su alcuni componenti del velivolo e appaiono ancora ben lontani i tempi in cui si potrà assemblare un intero aereo completamente stampato in 3D.

I vantaggi però sarebbero evidenti. Stampando in 3D un aereo ci sarebbe bisogno di una quantità minore di materie prime, che sarebbero anche meno pesanti, ottimizzando per giunta anche le ore di lavoro e i tempi di consegna.

Lo studio di architettura The Living di David Benjamin, l’azienda di automotive Autodesk e a APWorks, hanno già creato con la stampa 3D, però, per l’Airbus A320, una sorta di barriera che separa l’area destinata al trasporto dei passeggeri dalla stiva dell’aereo.

I componenti bionici stampati in 3D pesano circa la metà rispetto a quelli consueti, garantendo, come fa sapere Airbus, una maggiore resistenza.

Per quanto concerne l’impronta ambientale, i nuovi jet potranno produrre circa 465.000 tonnellate cubiche di CO2 in meno all’anno.

Fonte: Airbus