proterra-catalyst-e2

In fondo, a differenza delle autovetture, un autobus per il trasporto di persone non ha problemi di spazio, e quindi è abbastanza semplice montare pacchi di batterie sufficienti per la percorrenza giornaliera.

È quello che pensano da sempre i fondatori di Proterra, la società californiana che da due anni produce autobus elettrici di varie dimensioni e che recentemente ha presentato la serie Catalyst E2, chiamata così per la sua capacità di stoccaggio dell’energia –  Energy Efficient (E2) – e che, a seconda dei modelli, utilizza pacchi di batterie con capacità compresa tra 440 e 660 kWh.

Il mese scorso, un bus della serie E2 ha stabilito un nuovo record di percorrenza presso il circuito di prova Michelin’s Laurens Proving Grounds superando le 600 miglia (quasi 1.000 chilometri) con una carica, sicuramente una percorrenza non ripetibile in condizioni di traffico reale dove l’autonomia è compresa tra 194 e 350 miglia, un chilometraggio giornaliero più che sufficiente nella maggior parte dei casi.

Ciò significa che gli autobus elettrici possono prendere da subito il posto dei veicoli diesel, contribuendo a ridurre le emissioni inquinanti e ad abbassare i costi d’esercizio

Con un fatturato annuo ad oggi più che raddoppiato rispetto al 2015, Proterra si aspetta molto dalla nuova serie di veicoli Catalyst E2 e prevede di raddoppiare la produzione nel 2017. Ad oggi, gli autobus Proterra hanno completato negli Stati Uniti oltre 2,5 milioni di miglia risparmiando 540.000 litri di gasolio, ed evitando l’immissione in atmosfera di oltre 10 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

www.proterra.com