Le tecnologie Sigfox e LoRaWAN con le relative reti e organizzazioni rappresentano attualmente (in attesa di NB-IoT) le soluzioni immediatamente disponibili per dare vita a reti wireless per l’Internet of Things, le cosiddette Low Power Wide Area Networks (LPWAN) che sono in grado di collegare al cloud milioni di oggetti intelligenti.

Due entità con strategie e politiche differenti, ma che hanno sempre bisogno di uno o più partner locali quando entrano in una nuova nazione.

Così, circa un anno fa, Sigfox si è alleata con Nettrotter (una società del gruppo EI Towers controllata da Mediaset) per realizzare una rete nazionale con questa tecnologia che, ad oggi, copre circa il 70% degli abitanti.

Ė di oggi, invece, la notizia che Rai Way è entrata a fare parte del consorzio LoRa Alliance in qualità di Contributor Member,  muovendo ulteriori passi verso il campo dell’IoT (Internet of Things).

Lora Alliance è un’associazione aperta e non-profit fondata da aziende leader del settore con la missione di standardizzare la tecnologia Low Power Wide Area Networks (LPWAN) per abilitare l’Internet of Things (IoT). La tecnologia utilizzata in una rete LoRaWAN consente di collegare a basso costo, sensori a batteria su lunghe distanze in ambienti difficili la cui connessione risultava in precedenza troppo impegnativa o antieconomica. 

Grazie all’adesione alla LoRa Alliance, della quale fanno già parte circa 400 aziende, Rai Way potrà rafforzare la propria posizione sul mercato di riferimento apportando il proprio contributo per la crescita dell’Alleanza stessa, soprattutto in un’ottica di ampliamento della diffusione commerciale e della varietà dei servizi sul mercato italiano, con particolare focus all’implementazione delle Smart City.

Gli ottimi risultati conseguiti da Rai Way nel corso del 2016, con sperimentazioni in varie realtà italiane, tra le quali, ad esempio, il Comune di Ormea in Piemonte, sostengono le prospettive aziendali e le intenzioni di procedere rapidamente verso un ruolo centrale nello sviluppo di reti per l’IoT adottando un modello di tipo federativo, ovvero integrando la propria rete anche con quelle di soggetti terzi disponibili alla condivisione. 

Le sperimentazioni che Rai Way ha realizzato per valutare le potenzialità e la compatibilità della tecnologia LoRaWAN rispetto alle proprie reti hanno fornito esiti positivi confermando la funzionalità delle infrastrutture aziendali per l’IoT, fattore abilitante allo sviluppo futuro di nuovi servizi IoT “smart” di tipo LPWAN (Low Power Wide Area Network) su tutto il territorio italiano.

Fonte: Rai Way