Cosa c’entra il basilico con i LED? C’entra, eccome. Non solo perché scegliendo la lunghezza d’onda più opportuna il basilico cresce meglio e più velocemente (ci riferiamo alle coltivazioni in serra che rappresentano l’80% del totale), ma anche perché l’impiego di questa tecnologia consente di risparmiare molta energia elettrica, con conseguente riduzione dei costi e minore emissione in atmosfera di CO2.

Lo ha sperimentato l’azienda Servizi Ambientali Bassa Reggiana (S.A.BA.R.), con sede in provincia di Reggio Emilia, che si occupa, tra l’altro, della coltivazione del basilico. Sostituendo la vecchia illuminazione HPS (a vapori di sodio ad alta pressione) con la luce LED basata sulla gamma di prodotti Oslon di OSRAM Opto Semiconductors, S.A.B.A.R ha potuto incrementare la produzione, riducendo significativamente il consumo di energia.    

All’interno della serra, S.A.BA.R. utilizzava un sistema di illuminazione artificiale equipaggiato con lampade HPS che, complessivamente, consumava 32 kW. Poiché, per prevenire le malattie del basilico, la luce artificiale deve rimanere accesa per molte ore al giorno, il consumo di energia incide in misura significativa sui costi di produzione.

Sostituendo il sistema HPS con una soluzione ideata da Ambra Elettronica – azienda specializzata nell’illuminazione per orticoltura e partner certificato di OSRAM LED Light For You (LLFY) – basata sulla tecnologia LED di OSRAM Opto Semiconductors, S.A.BA.R. ha ridotto i consumi del 56%, arrivando a 14 kW, con un risparmio di 75.000 kWh all’anno, equivalenti a 30 tonnellate di emissioni di CO2 in meno, riuscendo anche a diminuire i tempi di produzione di cinque giorni.

Siamo molto soddisfatti della soluzione implementata da Ambra Elettronica. Coltivare il basilico con i LED Oslon di OSRAM miscelando in proporzioni diverse i differenti colori/lunghezze d’onda, non ha creato alcun problema. Eravamo preoccupati che il basilico potesse ammalarsi, perché, in precedenza, il fungo della peronospora era eliminato dal calore emesso dalle lampade HPS, ma in realtà è andato tutto bene. Abbiamo osservato anche una crescita migliore e più veloce delle piante di basilico, grazie alla percentuale inferiore di luce blu della sorgente LED, pari al 5%, contro il 25% del precedente sistema di illuminazione“, spiega Marco Boselli, CEO di S.A.BA.R.

Ambra Elettronica ha sviluppato l’apparecchio AE80, usato nella serra S.A.BA.R, basandosi sui LED della famiglia Oslon di OSRAM Opto Semiconductors (blu 450 nm, red 630 nm, hyper-red 660 nm, far-red 735 nm). Gli apparecchi per impiego professionale sono progettati per essere estremamente efficienti quando la luce è emessa all’interno dello spettro visibile nella regione attiva della fotosintesi. Ambra Elettronica offre un’ampia gamma di apparecchi LED per l’orticoltura professionale e domestica basati tutti sulla tecnologia Oslon.

Crediamo nel valore dei prodotti Made in Italy e, pertanto, per realizzare i nostri apparecchi, ci affidiamo alla tecnologia di ultima generazione“, aggiunge Maurizio Fasolo, CEO di Ambra Elettronica. “OSRAM Opto Semiconductors offre una gamma completa di prodotti per le applicazioni in ambito flori/orticoltura, che ci consentono di ottenere la miscelazione dei colori e l’intensità ottimali per le specifiche esigenze dei diversi tipi di piante. Queste sorgenti, inoltre, permettono di realizzare apparecchi adatti all’ambiente della serra, in grado di resistere all’umidità, alle notevoli variazioni termiche, alla polvere, e a cicli di esercizio lunghi e intensivi.”

Negli ultimi anni, OSRAM Opto Semiconductors ha ampliato l’offerta per questo settore attraverso nuovi package e un’efficienza fino al 20% più elevata. È stato aggiunto un nuovo LED Oslon da 120° a integrazione delle opzioni da 80° e 150° per lunghezze d’onda di 450 nm (blue), 630 nm (red), 660 nm (hyper-red) e 730 nm (far-red). Nel complesso, la gamma delle soluzioni permette di realizzare applicazioni personalizzate per tutti i tipi di piante e fiori, adattando la luce alle esigenze delle diverse coltivazioni.

www.osram.it