SPS IPC Drives Italia è la fiera annuale che riunisce fornitori e produttori del mondo dell’automazione industriale coprendo l’intera gamma di prodotti del settore, dai componenti elettrici ai sistemi completi, incluse soluzioni di automazione integrata. Un punto di riferimento per il panorama italiano dove si incontrano efficienza, produttività, competitività e innovazione.

Grazie al giusto equilibrio tra area espositiva e attività convegnistica, nonché alla location scelta per la manifestazione (Parma è al centro di una delle aree più importanti per l’automazione industriale), anche per la settima edizione, in programma dal 23 al 25 maggio 2017, è previsto un incremento di espositori del 10 percento con numerosi nuovi brand.

La più grande novità è il layout espositivo, con ben 4 padiglioni, che ha permesso di soddisfare le richieste di ampliamento e di offrire una collocazione alle aziende in lista d’attesa, completando l’offerta merceologica in mostra.

Sono state introdotte nuove categorie merceologiche legate alle tecnologie disruptive – meccatronica, industrial IoT, big data, cybersecurity, applicazioni robotiche, software di progettazione e simulazione – per completare l’offerta per la fabbrica intelligente, dando completezza e visibilità all’intera filiera dell’automazione industriale. Tra i settori che hanno incrementato maggiormente gli spazi espositivi vi è quello del digitale, con la presenza di aziende come Cisco, SAP, HP, Winext, Reply e Intel.

Anche questa edizione è stata preceduta da una serie di Tavole Rotonde itineranti, organizzate per diffondere la cultura dell’Industria 4.0 sul territorio.

La manifestazione è stata – e lo sarà sicuramente per il futuro – un potente supporto all’industria manifatturiera italiana che nel 2016 ha contribuito in maniera determinante al più grande avanzo commerciale della storia del nostro Paese con un attivo di 45,2 miliardi di euro, record storico.

Anche il fatturato del comparto dell’automazione industriale, nel suo complesso è cresciuto del 7%, a quota 38 miliardi, anche questo un record storico.

Confermato il progetto Know how 4.0 che sarà posizionato sempre nel padiglione 4 e metterà in mostra le demo funzionanti di applicazioni 4.0 delle aziende che aderiscono al progetto. Grazie alla possibilità di interagire con le tecnologie abilitanti esposte, i visitatori potranno comprendere le potenzialità e le opportunità offerte dalla trasformazione digitale per il manifatturiero italiano.

Nella stessa area i Digital Innovation Hub (DIH) – iniziativa sostenuta dalla Commissione Europea nell’ambito del progetto I4MS (ICT Innovation for Manufacturing SMEs) per portare innovazione nelle aziende e supportare le PMI nella digitalizzazione dei processi operativi – potranno fare mentoring e coatching gratuito alle aziende desiderose di conoscere le ultime novità in campo tecnologico e digitale.

www.spsipcdrives.it