Le squadre del Triveneto dominano la Robocup Junior 2011


[slideshow id=4]
Tanta concentrazione sull’hardware e sul software dei robot, ma anche tantissimo agonismo con tifo da stadio ad ogni ostacolo superato nella categoria Rescue o ai goal messi a segno nella categoria Soccer. E tanta delusione da parte dei team che, a poco a poco, inesorabilmente, venivano eliminati.

Si è conclusa a Catania la terza edizione della Robocup Junior che ha visto protagoniste oltre 80 squadre provenienti da tutta Italia che si sono sfidate per il titolo nazionale nelle categorie Soccer, Rescue e Dance; per queste ultime due categorie la gara valeva anche come qualificazione per i campionati mondiali che si svolgeranno a luglio a Istanbul.
Alla manifestazione, che è stata organizzata dall’I.T. Archimede di Catania e che si è svolta presso il Centro Fieristico “Le Ciminiere” nei giorni 14, 15 e 16 Aprile, hanno preso parte per la prima volta gli studenti della under 14 che hanno gareggiato in una sezione a loro riservata nelle categorie Rescue e Dance.
Giovedì pomeriggio è stato dedicato alle registrazioni delle squadre mentre le gare sono iniziate venerdì con le qualificazioni. Nella categoria più importante, Rescue under 19, si è messo subito in mostra il folto gruppo di squadre provenienti dal Triveneto che hanno gareggiato per i primi posti con le squadre Catanesi e quelle di Foligno e Pescara. Alla fine delle tre prove ha prevalso l’ITIS Chilesotti di Thiene (VI) con il robot Skinwires. Tra le 24 squadre qualificate per le finali del sabato anche il robot Nessie dell’ITCS Erasmo da Rotterdam di Bollate (MI) sponsorizzato dalla nostra testata.

In particolare Nessie ha fatto una prima prova eccellente guadagnando 135 punti; purtroppo la seconda e la terza prova, per problemi al software, non sono state così performanti consentendo comunque al robot di piazzarsi 14° alla fine della giornata. Da notare che Nessie è uno dei pochi robot completamente customizzati, al contrario di altri concorrenti basati su piattaforme commerciali, prevalentemente Lego NXT.
Nella semifinale di sabato, purtroppo, i problemi al software si sono rivelati ancora più gravi, specie in presenza di ostacoli di grandi dimensioni. Nessie non è così riuscito ad entrare nella finale che ha visto sfidarsi i 12 migliori team. Alla fine hanno vinto tre Istituti del Triveneto: al primo posto si è classificato Anacleto dell’IIS Scalcerle di Padova, al secondo Skinwires dell’ITIS Chilesotti di Thiene (VI) ed al terzo Ulisse dell’ITI “Michelangelo Buonarroti” di Trento.

Di seguito i risultati delle altre categorie:
– Rescue under 14: Robotik
– Dance Under 19: T4-At
– Dance Under 14: Electrodance
– Soccer Light Under 19: Duo W
– Soccer Open Under 19: Domese Rc
L’appuntamento per l’edizione 2012 della Robocup Junior è a Trento.
www.robocupjr.it

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.