Un secondo? Basta per inviare i dati contenuti in 700 DVD!


 

Gli scienziati del Karlsruhe Institute of Technology (KIT) sono riusciti a trasmettere mediante un raggio laser una quantità di dati impressionante: ben 26 terabit al secondo, pari alle informazioni contenute in 700 DVD. Si tratta del volume di dati più grande mai trasportato tramite un raggio laser. La trasmissione è avvenuta  ad una distanza di 50 chilometri.
Con questo esperimento, il team di ricercatori del KIT guidati dal  professor Jürg Leuthold è riuscito a superare il proprio precedente record stabilito nel 2010 quando, per la prima volta, era stata superata la soglia dei 10 terabit al secondo, vale a dire una velocità di trasmissione di 10.000 miliardi di bit al secondo. Questo successo è dovuto ad un nuovo processo di elaborazione dei dati che prevede una decodifica opto-elettrica.

Il team di Leuthold applica per la codifica dei dati la tecnologia OFDM (orthogonal frequency division multiplexing); per molti anni questo processo – che si basa sull’algoritmo della trasformata di Fourier veloce – è stato usato con successo nelle comunicazioni mobili. “La sfida era quella di aumentare la velocità di processo non di mille volte ma di un fattore di quasi un milione di volte per l’elaborazione dei dati a 26 terabit al secondo“, spiega Leuthold che guida l’Institutes of Photonics and Quantum Electronics and Microstructure Technology al KIT. “L’idea innovativa è stata quella di una esecuzione ottica delle routine matematiche che si è rivelata non solo estremamente veloce, ma anche ad elevata efficienza energetica. Il nostro risultato dimostra che i limiti fisici non sono ancora stati raggiunti, anche con altissime velocità di trasmissione dati.”
Prosegue Leuthold: “Alcuni anni fa, velocità di trasferimento dati di 26 terabit al secondo venivano considerati un’utopia anche per i sistemi con molti laser. Ed in ogni caso sarebbero stati sovrabbondanti: con 26 terabit al secondo, sarebbe stato possibile trasmettere fino a 400 milioni di telefonate contemporaneamente e nessuno aveva bisogno di una simile capacità. Oggi la situazione è radicalmente cambiata “.

Sempre più spesso Internet viene utilizzato per la trasmissione di video che richiedono una elevata velocità di trasmissione: banda e velocità si fanno sempre più necessarie. Linee da 100 gigabit al secondo (pari a 0,1 terabit al secondo) sono ormai considerate indispensabili per qualsiasi tipo di utente ed attualmente la ricerca si concentra su linee di trasmissione in grado di operare tra 400 Gigabit/s a 1 Tbit/s. Gli studi degli scienziati di Karlsruhe sono quindi più che mai importanti. Società e centri di ricerca di tutto il mondo stanno lavorando insieme al team del professor Leuthold per un ulteriore miglioramento della tecnologia e per una sua rapida industrializzazione; tra queste: Agilent, Micram Deutschland, Time-Bandwidth Svizzera, Finisar Israele, e l’Università di Southampton.
www.kit.edu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.