TJA1145, il primo chip compatibile con CAN Partial Networking da NXP


Mentre i governi di tutto il mondo premono per una riduzione delle emissioni di CO2, i produttori di autovetture sono sempre più concentrati nella ricerca di soluzioni atte a produrre veicoli più rispettosi dell’ambiente. A tale scopo le Case automobilistiche stanno spingendo affinché il CAN Partial Networking – una delle più interessanti innovazioni in questo campo – diventi uno standard del settore.
NXP Semiconductors  ha oggi annunciato la prima soluzione che risponde ai requisiti delle norme ISO 11898-6 e AUTOSAR R3.2.1 e che supporta CAN Partial Networking.
Il CAN transceiver TJA1145 e il chip UJA1168 –  la prima soluzione altamente integrata al mondo a supporto del CAN Partial Networking – offre ai progettisti un controllo preciso sul bus di comunicazione delle  autovetture. Mediante una gestione intelligente della ECUs (Electronic Control Units) durante i periodi di inattività, quando il funzionamento dell’unità non è strettamente necessario, è possibile ottenere una riduzione significativa dei consumi di carburante e delle emissioni di COsenza sacrificare le prestazioni della vettura.
Normalmente, nelle architetture di rete delle autovetture, le centraline di controllo (ECUs) sono sempre attive consumando energia. Questo succede sempre anche nel caso di quei dispositivi che controllano funzioni poco usate e che non richiedono un controllo continuo quali il posizionamento dei sedili, l’azionamento dei vetri o del tettuccio apribile, e così via.
Il CAN Partial Networking modifica questa filosofia tenendo in funzione solamente quelle centraline che sono necessarie durante la marcia, mantenendo le altre in modalità low-power fino a quando non viene richiesto nuovamente un loro intervento. Ciò equivale a un notevole risparmio nel consumo di energia, una riduzione di costi e di emissioni di CO2. Il sistema CAN Partial Networking è particolarmente utile nei veicoli ibridi o completamente elettrici nei quali consente un incremento dell’autonomia ottimizzando anche i tempi di ricarica.

Nel corso di una importante conferenza internazionale che si è svolta  nel giugno 2011 a Ludwigsburg, in Germania, Audi, BMW, Daimler, Porsche e Volkswagen hanno sollecitato l’adozione di questo nuovo standard. Ricky Hudi Mnaging Director di Audi, ha fatto appello ai fornitori di semiconduttori ed agli integratori affinché supportino rapidamente questa tecnologia con prodotti e soluzioni adeguate. “CAN Partial Networking presenta grandi potenzialità ai fini di un significativo risparmio energetico delle nuove autovetture” ha affermato Ricky Hudi. “Il sistema di wake-up delle ECUs consente inoltre una maggior durata delle centraline ed un incremento delle prestazioni dei veicoli elettrici. Audi e Volkswagen hanno iniziato a introdurre questa tecnologia nella vetture attualmente in progettazione; Audi stima che l’utilizzo della tecnologia  CAN Partial Networking possa portare ad una riduzione media di emissioni di CO2 di circa 2,6 g / km e ad un risparmio di carburante di 0,11 litri/100 km”.
Sievers Kurt, Senior Vice President e General Manager Automotive di NXP Semiconductors ha commentato: “La tecnologia CAN Partial Networking è una vera innovazione nell’elettronica di controllo delle vetture che permette una gestione ancora più intelligente delle ECUs, impossibile in precedenza. NXP è particolarmente orgogliosa di essere leader di questo mercato per essere stata la prima azienda a fornire una soluzione CAN Partial Networking conforme agli standard ISO”.

Di seguito il video NXP che illustra la nuova tecnologia:


YouTube

I dispositivi TJA1145 e UJA1168 offrono avanzate soluzioni di networking grazie alla combinazione di circuiti analogici e circuiti digitali ad alta densità. Il TJA1145 è un CAN transceiver ad alta velocità mentre l’UJA1168 CAN è un chip di gestione che richiede un’alimentazione della logica a 5V/100mA: entrambi supportano le funzioni CAN Partial Networking “Selective wake-up” e “Selective sleep”. Le dimensioni sono particolarmente ridotte ed entrambi i chip sono disponibili in contenitore HVSON14; il TJA1145 è anche disponibile in package SO14.
Campionature dei due chip sono già disponibili mentre la produzione in volumi è prevista per il 2012.
http://www.nxp.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.