12 atomi per memorizzare un bit


Immagazzinare un bit digitale? Bastano 12 atomi di ferro anziché il milione circa di un attuale hard-disk. Ѐ quanto hanno dimostrato i ricercatori di IBM e del CFL tedesco che hanno stabilito quale sia il numero minimo di atomi per registrare in maniera stabile un singolo bit. Facendo uso di un microscopio a effetto tunnel i ricercatori sono riusciti a memorizzare la parola “think” in codice binario utilizzando complessivamente 480 atomi (la parola è composta da 5 byte ovvero da 40 bit).

Questa ricerca puramente teorica (visto che è stato utilizzato un microscopio elettronico STM, scanning tunneling microscope), apre in ogni caso la strada verso le memorie del futuro, enormemente più performanti di quelle attuali. Uno degli ostacoli da superare saranno le interferenze nel campo magnetico a livello atomico che IBM intende superare utilizzando la proprietà dell’antiferromagnetismo al posto del magnetismo standard.
Guarda il video diffuso da IBM su questa ricerca:


YouTube

www.ibm.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.