MAX36025 per la sicurezza delle smart grid


Maxim ha  annunciato l’introduzione del MAX36025, un controllore di nodo crittografico in grado di reagire alle manomissioni che integra due engine AES (Advanced Encryption Standard) hardware per garantire una cifratura più semplice e sicura.

Le società erogatrici di servizi di pubblica utilità in tutto il mondo stanno adottando su larga scala le cosiddette smart grids (reti “intelligenti” per la distribuzione dell’energia) per consentire una gestione più efficiente dell’uso dell’energia. Grazie alla possibilità di comunicare in più punti della rete, le società di servizi possono misurare il consumo istantaneo di elettricità, isolare in tempi brevi eventuali guasti, controllare la domanda di energia e tenere informati i consumatori circa i prezzi e i consumi. Questo flusso di informazione bidirezionale costante rende sensibili queste infrastrutture critiche agli attacchi di natura informatica. MAX36025 è un security manager (ovvero un integrato preposto alla gestione della sicurezza) che può essere  collocato nei punti di accesso e/o di concentrazione dei dati di una smart grid per garantire la sicurezza in questi punti particolarmente critici di aggregazione dei dati.

I due engine AES di MAX36025 trasferiscono le funzioni di cifratura a livello hardware, contribuendo in tal modo a ridurre drasticamente i tempi di progettazione e ad aumentare i livelli di sicurezza. I progettisti di sistemi quindi non si devono più preoccupare di scrivere codice di cifrature, processo questo che richiede tempi molto lunghi sia per la scrittura stessa, sia per le successive operazioni di debug e implementazione. Il software cifrato, inoltre, è vulnerabile in quanto eventuali errori (bug) non rilevati possono costituire la “porta d’ingresso” per un attacco da parte di virus. I due engine AES di MAX36025 possono essere utilizzati su canali indipendenti per proteggere differenti reti oppure utilizzati simultaneamente sul medesimo canale per effettuare una cifratura doppia.

Livelli fisici di sicurezza di MAX36025:

  • Memorizzazione della chiave di sicurezza on-chip (nella memoria noni mprinting);
  • Memoria on-chip non imprinting con cancellazione in grado di reagire in tempi brevi a tentativi di manomissione;
  • Un sensore di temperatura con un rilevatore proprietario della velocità di cambiamento (rate of change) per registrare variazioni molto marcate di temperatura che rappresentano il segnale di un attacco fisico;
  • Package CSBGA a 81 ball senza conduttori esposti che rappresentano un punto di ingresso per un eventuale attacco;
  • Intervallo di temperature di funzionamento compreso tra -55 °C e +95 °C.

Per ragioni di sicurezza, è necessario sottoscrivere un NDA (Non Disclosure Agreement) prima di ottenere il rilascio dei datasheet o di altre informazioni relative a MAX36025.
www.maxim-ic.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.