Viscom Makers Campus dal 4 al 6 ottobre al Viscom di Milano


Tradizione, ricerca e rinnovamento saranno gli ingredienti della prossima edizione di VISCOM ITALIA, un appuntamento internazionale che racconterà il mondo in evoluzione del mercato della comunicazione visiva: Stampa Digitale Grande Formato – Insegnistica – Cartellonistica – Serigrafia – Tampografia – Promozione tessile – Ricamo – Incisione – Fresatura – Laser – Packaging e labelling – Premiazione sportiva – Digital Signage – P.O.P.

Una panoramica completa su tutte le sue applicazioni che si va a integrare sempre di più nel mix di strumenti e modelli di comunicazione in grado di intercettare nuovi modi di promuovere il business per un pubblico di operatori come stampatori, serigrafi, incisori, tipografi, grafici, ma anche nuovi professionisti e manager non solo del mondo della visual communication ma dell’industria manifatturiera, dell’architettura e del design.
Nell’ambito di questa manifestazione si svolgerà il Viscom Maker Campus, un evento aperto a tutti dove il fare diventa elemento trainante per il visitatore.

La prossima rivoluzione industriale è data dai Makers, gli artigiani del futuro!

Un vero laboratorio creativo dove imparare che attraverso approcci trasversali, contaminazioni da più community, una profonda comunione di intenti ma anche sistemi open-source, nuovi materiali e tecnologie all’avanguardia è possibile alimentare le applicazioni  VIC (Visual Interactive Communication) ovvero dar vita a soluzioni non standardizzate e creare oggetti personalizzati che rispondono con sempre maggiore efficacia alle richieste dei nuovi consumatori.

Il progetto “Viscom Makers Campus by Roland Experience Day” nasce dall’esigenza di fornire una innovazione sostanziale al mondo del visual communication. La sua struttura si basa su quattro principi base:

  • Imparare facendo. Il processo di apprendimento basato sull’esperienza non può mai essere esclusivamente teorico, per imparare occorrono ripetute e costanti interazioni col mondo reale.
  • Aumentare la diversità. Per incentivare il verificarsi di fenomeni di serendipity (scoperta casuale di nuovi elementi) bisogna aumentare le occasioni di confronto tra persone e community diverse.
  • Celebrare l’interazione tra pari. L’apprendimento per imitazione, contrariamente a quanto si crede, promuove l’innovazione.
  • Connettere tribù. Dare l’esempio ai membri delle comunità attraverso la diffusione dei valori alla base di ciò che viene vissuto.

La struttura dell’area è divisa in quattro blocchi operativi:

  • Ricevimento
  • ‎Gruppo di lavoro e ideazione
  • Fare
  • Condivisione e mostra

Ricevimento:
Lo spazio aperto avrà un area di ingresso. Le persone verranno registrate e in base a delle domande specifiche verrà dato loro un badge che lo indirizzerà ad uno specifico gruppo di lavoro e lo renderà riconoscibile dalle altre persone presenti nel campus.

I gruppi di lavoro previsti sono i seguenti:

  • Guppo A – Abbigliamento
  • Gruppo B – interior decoration e vetrinistica
  • Gruppo C – outdoor (cartellonistica e insegne)
  • Gruppo D – automotive
  • Guppo E – Incisoria e Modellazione 3D

con l’intento di alimentare le applicazioni VIC (Visual Interactive Communication) in ogni area.

A seguire i gruppi ci saranno sia degli artigiani tecnologici, sia gli amministratori o influenzatori delle altre community presenti nell’area. Tra le Community saranno presenti:

  • La community di Roba da grafici;
  • La community di Grafici creativi;
  • La community di Corel;
  • La community di Colore Digitale;
  • La community di Arduino;
  • La community di Fabber in Italia;
  • La rivista Elettronica In;
  • Il Politecnico di Milano – Milano Design Hub;
  • L’Accademia Belle Arti – L’Aquila;
  • L’Università di Camerino Unicam – Ascoli Piceno;
  • L’Università La Sapienza – Roma;
  • L’Università Ca Foscari –Venezia;
  • La community degli Artigiani Tecnologici.

Ognuna di queste community avrà un piccolo spazio e relativo logo, nonché la possibilità di creare i propri gadget da regalare con le attrezzature a disposizione.

Gruppo di lavoro e ideazione
Il secondo step sarà quello di istruzione e innovazione. Ci saranno dei brevi seminari dove verranno enunciati i parametri del wow, e verrà effettuato un esercizio di Innovazione dirompente. Ci saranno quattro grandi tavoli rotondi da 10 posti (in piedi) ognuno destinato ad uno dei gruppi previsti evidenziati in fase di registrazione. Ogni ora verrà replicato questo seminario. Più di 240 persone (idee) al giorno seguiranno questa fase.

Nelle tre giornate si terranno una serie di “pillole” culturali da 10 minuti con esponenti di spicco nel mondo della comunicazione visiva.

  • Andrea Boaretto – Politecnico Milano : Marketing Reload, la multicanalità e le nuove tendenze del mobile
  • Paolo Iabichino – Ogilvy: Invertising, Ovvero, se la pubblicità cambia il suo senso di marcia
  • Marianna Santoni – Il WOW fotografico con Photoshop
  • Biagio Di Stefano – Grafici Creativi: La suite Adobe
  • Lucia Pietroni – UNICAM: L’ecodesign
  • Davide Gomba – Officine Arduino: Interactive Design con Arduino
  • Mario Picchio – Roland DME: Pessimismo antropologico
  • Giovanni Re – Roland DME: VIC Visual Interactive Communication
  • Serena Micantonio – Accademia belle arti dell’Aquila
  • Ivan Paduano – Università la Sapienza
  • Maximiliano Romero – Phyco Lab
  • Mirko Pallera – Ninja Marketing – C.R.E.A.T.E.
  • Simone Majocchi – ElettronicaIn – “Le tecnologie aspettano le tue idee”
  • Roberto Capuozzo – Corel DRAW – “Grafica vettoriale spinta”

Le idee sviluppate nel workshop saranno appese nella parete ed è previsto un contest per aggiudicare la migliore idea.

Fare
Nell’area Making saranno presenti diversi macchinari Roland e altre attrezzature divise per tipologia di lavoro nelle quattro aree evidenziate sin dall’ingresso.
Sempre nell’area ci saranno le postazioni di alcuni produttori di materiali che aiuteranno le persone nella scelta del materiale per la creazione della loro applicazione.
Nell’area ci saranno almeno quattro tavoli di lavoro che produrranno tre livelli di applicazioni.

Condivisione e mostra
Le applicazioni saranno presentate in un’area espositiva. Tutte le idee provenienti dal contest online e quelle sviluppate nel workshop saranno esposte con descrizione di autore, community e votazione. Ci sarà un monitor che seguirà i tweet e i post su facebook in tempo reale. La condivisione delle esperienze sarà amplificata dai contenuti che verranno creati nelle tre giornate del Campus by Roland Experience Day.

ElettronicaIn/Futura Elettronica

Alla tre giorni di Milano ci saremo anche noi con le nostre idee, i nostri progetti e la nuova stampante 3D 3Drag per dare vita al motto “Trasforma le tue idee in realtà”. Vedremo cosa ne sortirà!

Venite a trovarci numerosi portando il vostro contributo di energie, idee e  suggerimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.