Tecnologie emergenti e future: un miliardo di euro per i progetti “Grafene” e “Cervello umano”


La Commissione europea ha annunciato oggi i vincitori di un concorso dotato di un premio di miliardi di euro nel quadro delle Tecnologie emergenti e future (TEF). Le iniziative vincitrici “Grafene” e “Cervello umano” riceveranno ciascuna un miliardo di euro per svolgere dieci anni di ricerca di importanza mondiale al crocevia tra scienza e tecnologia. Ciascuna iniziativa coinvolge ricercatori di almeno quindici Stati membri dell’UE e quasi 200 istituti di ricerca.

Il progetto “Grafene” esplorerà e sfrutterà le proprietà uniche di un nuovo e rivoluzionario materiale a base di carbonio. Il grafene è infatti una straordinaria combinazione di proprietà fisiche e chimiche: è il materiale più sottile, è un conduttore di elettricità migliore del rame, è 100-300 volte più resistente dell’acciaio ed possiede proprietà ottiche straordinarie. L’uso del grafene è stato reso possibile dai ricercatori europei nel 2004, e tale sostanza è destinata a divenire il materiale miracoloso del XXI secolo, come lo furono le materie plastiche nel XX, sostituendo in particolare il silicio per i prodotti TIC.

Il progetto “Cervello umano” creerà invece il più grande dispositivo del mondo per elaborare un modello di cervello umano allo scopo di studiarne il funzionamento e sviluppare trattamenti personalizzati di malattie neurologiche e patologie affini. Questa ricerca getta le fondamenta scientifiche e tecniche per un progresso della medicina che potrebbe migliorare enormemente la qualità di vita di milioni di cittadini europei.

La Commissione europea, mediante i suoi programmi di finanziamento della ricerca e dell’innovazione, sosterrà “Grafene” e “Cervello umano” in quanto “iniziative faro” delle TEF per oltre 10 anni. I programmi quadro di ricerca dell’UE, in particolare il programma Orizzonte 2020 (2014-2020) che è attualmente in fase di negoziato al Parlamento europeo e al Consiglio, forniranno finanziamenti continuativi per tutta la durata del progetto.

Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato: “La posizione dell’Europa come superpotenza nel campo della conoscenza dipende dalle sue capacità di concepire l’inconcepibile e di sfruttare le idee migliori. Questa ricompensa miliardaria premia scoperte scientifiche europee e dimostra che grazie alla nostra ambizione l’Europa è oggi teatro della ricerca scientifica ai più alti livelli. Per garantire la competitività dell’Europa e far sì che rimanga una sede di eccellenza scientifica, i governi dell’UE devono accordarsi su un bilancio ambizioso per il programma Orizzonte 2020 nelle settimane a venire.”

Il progetto “Grafene” è diretto dal professor Jari Kinaret, dell’Università di Chalmers, in Svezia. Vi partecipano più di 100 gruppi di ricerca, con 136 ricercatori principali, tra cui quattro vincitori del premio Nobel. Il progetto “Cervello umano” raggruppa scienziati provenienti da 87 istituzioni ed è diretto dal professor Henry Markram dell’École polytechnique fédérale di Losanna.

Il futuro dell’informatica e della scienza sarà sempre più improntato alla collaborazione ed il programma TEF costituisce  un’iniziativa a livello mondiale in tal senso. La competizione ha incoraggiato la collaborazione su nuova scala, prolungandone la durata. Invece degli abituali cicli di finanziamento di 2-4 anni, la durata di 10 anni e il considerevole incentivo finanziario hanno portato il livello della ricerca scientifica nelle proposte di progetto a un livello molto più elevato, che offrirà all’Europa maggiori vantaggi a lungo termine, comprese nuove tecnologie e innovazioni più rapide.

Ottanta miliardi in sette anni

Orizzonte 2020 è il nuovo programma UE per la ricerca e l’innovazione, presentato dalla Commissione nell’ambito della proposta di bilancio dal 2014 al 2020. Per dare un impulso alla ricerca e all’innovazione come motori di crescita e lavoro, la Commissione ha proposto un bilancio ambizioso di 80 miliardi di euro su sette anni, incluso il programma di iniziative faro “TEF”.

I vincitori riceveranno fino a 54 milioni di euro nell’ambito del programma di lavoro della Commissione 2013 nel settore delle TIC. Ulteriori finanziamenti saranno garantiti dai futuri programmi quadro di ricerca dell’UE, da partner privati come le università, dagli Stati membri e dall”industria.
http://cordis.europa.eu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.