EV3: così LEGO Mindstorms diventa open


LEGO Mindstorm robot

Tra le novità del CES 2013 di Las Vegas, spicca quella di LEGO, che ha presentato la nuova versione della sua piattaforma Mindstorms, creata principalmente per l’ambiente educational, ma molto apprezzata anche dagli utenti “comuni” che si dilettano creando con i popolari mattoncini colorati.

La novità si chiama LEGO Mindstorms EV3 (EV3 sta per Evolution 3) e rispetto alla tradizionale Mindstorms NXT è nata per essere “hackerata”; in altre parole nasce come piattaforma open, compatibile anche con iPhone e iPad.
LEGO Mindstorms EV3 è un kit che permette di creare fino a diciassette diversi robot con funzionalità meccaniche di vario genere, anche in grado di replicare i movimenti degli arti umani. LEGO Mindstorms EV3 comprende centinaia di mattoncini LEGO, quattro motori elettrici e cinque sensori, tra cui una nuova unità ad infrarossi che può essere usata per dare la vista ai robot o ricevere comandi a distanza da un telecomando IR.
La terza evoluzione della serie Mindstorms presenta inoltre la compatibilità totale con iOS, quindi i robot creati con essa potranno interagire con l’iPhone attraverso una connessione wireless Bluetooth in modalità protetta; non a caso, per la prima volta LEGO fornirà un manuale utente con le istruzioni di montaggio 3D in formato App per iPad, realizzato in collaborazione con Autodesk.
Altra novità rilevante è il nuovo mattone EV3 programmabile, che è il cuore di ogni progetto Mindstorms: rinnovato internamente ed esternamente, si basa su un microprocessore con core ARM9 dotato di 64 MB di RAM e 16 MB di Flash per i programmi, e dispone di uno slot per SD-Card che permette di ampliare la memoria disponibile.
C’è anche una porta USB che consente di collegare qualsiasi dongle Wi-Fi.
Il tutto viene governato con una distribuzione di Linux, il sistema operativo open source per eccellenza, prima mossa della strategia con la quale LEGO promette di aprire il sistema, per quanto possibile, agli hacker (cioè gli utenti che personalizzano prodotti standard) con il rilascio di una documentazione dettagliata e un SDK che sarà reso disponibile entro la fine dell’anno; la sola parte che resterà proprietaria sarà il chip che supporta l’accesso Bluetooth da iOS.
Per programmare le creazioni robotiche, è possibile immettere i comandi direttamente nel mattone EV3 attraverso il suo display LCD oppure utilizzare il software per PC in dotazione.
In aggiunta a quella standard, LEGO sta lanciando una versione Educational, che contiene una raccolta di kit progettati per l’uso nelle scuole e presenta alcuni componenti in più rispetto alla versione standard, come ad esempio un giroscopio, che consente la costruzione di un balancing robot tipo Segway. La versione Educational verrà fornita con batterie ricaricabili agli ioni di litio per il mattone programmabile.
LEGO Mindstorms EV3 sarà in vendita dalla seconda metà di quest’anno ad un prezzo di circa 350 dollari. Per quanto riguarda la versione Educational, il costo parte da 5.000 dollari ma il set contiene elementi per far lavorare, in teoria, un’intera classe di 24 studenti a gruppi di due.

http://mindstorms.lego.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.