Maxim propone un soluzione AFE (Analog Front-End) pronta all’uso per apparecchiature e sensori


Cupertino

Embedded World è stata l’occasione per Maxim Integrated per presentare il progetto di riferimento del sottosistema Cupertino (MAXREFDES5#), un AFE (Analog Front-End) isolato a 16 bit  pronto all’uso. Questo progetto di riferimento di un sottosistema ad alto grado di integrazione soddisfa le esigenze di sensori industriali, applicazioni di controllo di processo e PLC (Programmable Logic Controller). I suoi ingressi analogici (da -10 V a +10 V, da 0 V a 10 V e 4 – 20 mA) supportano gli ampi intervalli di uscita analogici dei sensori industriali. Oltre a ciò, alimentazione e dati sono completamente isolati. Maxim rende disponibile tutto quanto è richiesto – file di progetto hardware, codice di esempio per i driver e risultati di test – per accelerare lo sviluppo di un progetto.
Le applicazioni di automazione e controllo industriale spesso richiedono isolamento, elevata risoluzione ed un’ampia gamma di tensioni di ingresso. Numerosi sensori industriali sono caratterizzati da tensioni di uscita analogiche di valore elevato, oppure variabili in un intervallo molto ampio. FPGA (Field-Programmable Gate Array) e microcontrollori non sono in grado di accettare direttamente tensioni analogiche così elevate. Il progetto di riferimento Cupertino permette di risolvere questo problema proponendosi come una soluzione di interfaccia tra il sensore ed il controllore, con isolamento dell’alimentazione e dei dati integrata: il tutto ospitato in una scheda di dimensioni pari a soli 96,52 mm x 20,32 mm. L’AFE Cupertino si collega direttamente alle porte di espansione del kit di sviluppo per FPGA/CPU conforme allo standard Pmod™ di Digilent.

Principali vantaggi

  • Versatilità: supporta le tensioni di ingresso più diffuse per applicazioni industriali (da -10 V a +10 V, da 0 V a 10 V e 4 – 20 mA).
  • Dati e alimentazione isolati: genera linee di alimentazione (power rail) isolata di +12 V, -12 V e 5 V da una singola alimentazione a 3,3 V e garantisce l’isolamento dei dati.
  • Riduzione dei costi e degli ingombri sulla scheda: ingressi unipolari e bipolari multipli eliminano il ricorso a multiplexer aggiuntivi e circuiti di attenuazione.
  • Time to market ridotto: file di progetto hardware, codice per i driver, codice di esempio per FPGA funzionante,  dati di test e scheda ordinabile sono disponibili in tempi brevi per accelerare lo sviluppo dell’applicazione finale.

La board Cupertino presenta dimensioni di 96,52 x 20,32 mm con un costo a partire da 38,63 dollari.

Il progetto di riferimento Cupertino affronta il problema del collegamento tra sensori e controllori a livello di sistema” – ha affermato Chris Neil, Senior Vice President della divisione Industrial & Medical Solutions di Maxim Integrated. “Esso è un esempio significativo di come i nostri progetti di riferimento di sottosistemi già pronti all’uso contribuiscono ad accelerare il processo di sviluppo nelle applicazioni di automazione e controllo industriale.
www.maximintegrated.com

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.