Alle radici dell’innovazione


Freescale-Internet-of-Things-Tree

Recentemente, per rappresentare graficamente gli sviluppi delle applicazioni in campo elettronico, alcuni produttori di semiconduttori hanno proposto l’immagine di un albero con tanti frutti.

I frutti rappresentano le applicazioni e i servizi attuali e futuri: dalle auto intelligenti alla domotica, dalle smart grid all’elettronica indossabile. Il tronco, invece, rappresenta il software che fornisce alle applicazioni le indicazioni di funzionamento e che gestisce ed elabora il flusso di informazioni. Le radici, infine, rappresentano l’hardware di base senza il quale software ed applicazioni non potrebbero esistere: esattamente come in un albero vero, che viene alimentato e si sviluppa grazie alle radici che ricavano dal terreno le sostanze nutrienti.

E come per gli alberi veri, dove l’attenzione è rivolta principalmente ai frutti ed alla chioma, anche in campo elettronico spesso si guarda con maggiore attenzione alle applicazioni, dimenticando l’hardware di base che è il vero motore dell’innovazione e che mette a disposizione di chi magari ha un po’ più di immaginazione, gli strumenti necessari per creare le applicazioni ed i servizi più innovativi.

Ad esempio, è grazie ai chip di Intel e di aziende simili che tutti possediamo un PC, mentre dobbiamo ringraziare Qualcomm e molti altri produttori di semiconduttori se tutti noi abbiamo in tasca uno smartphone. Senza il “silicio” adeguato, neppure Steve Jobs avrebbe potuto realizzare iPod, iPhone e iPad.

La tecnologia di base è dunque fondamentale per l’innovazione, ne è il motore e l’essenza stessa. Così come la ricerca, portata avanti essenzialmente dai colossi del settore che spendono ogni anno decine di miliardi di dollari in ricerca e sviluppo.

Per chi lavora in campo elettronico, non importa a quale livello, e per chi progetta e costruisce, è fondamentale conoscere le ultime novità ed i chip più avanzati che i costruttori di semiconduttori mettono a disposizione di ingegneri e progettisti. Da questo punto di vista è compito nostro, e più in generale dei media specializzati, fare conoscere a tecnici, ingegneri e progettisti queste novità, cosa che cerchiamo di fare ogni mese tramite la rivista ed i nostri siti. Attività che il prossimo mese di novembre si intensificherà molto dal momento che proprio a novembre è in programma la più importante manifestazione dedicata alla tecnologia dei semiconduttori. Ci riferiamo ovviamente a electronica 2014, l’evento che si svolge ogni due anni a Monaco di Baviera (quest’anno dal 11 al 14 novembre) e che vede la presenza di tutti i produttori di semiconduttori mondiali che approfittano di questa occasione per presentare le loro ultime novità. Ci saremo anche noi per informarvi puntualmente sui nuovi chip e sulle nuove tecnologie che i Costruttori metteranno a disposizione dei progettisti per creare prodotti e servizi ancora più innovativi.

Per il momento, ecco il nuovo numero della rivista con progetti, articoli e prodotti altrettanto innovativi.

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.