Xilinx fornisce la famiglia di RFSoC Zynq UltraScale+


Xilinx fornisce la famiglia di RFSoC Zynq UltraScale+ che integra la catena del segnale RF per le applicazioni wireless 5G, per i dispositivi remoti per lo strato fisico e per i radar

SAN JOSE, California, 4 Ottobre 2017

Xilinx, Inc.  ha annunciato la consegna della famiglia di RFSoC Zynq® UltraScale+™, un’architettura rivoluzionaria che integra la catena di segnale RF all’interno di un SoC per applicazioni wireless 5G, per i dispositivi remoti per lo strato fisico e per i radar, che assicurano una riduzione dei consumi di potenza e delle dimensioni anche del 50-75 per cento rispetto ai dispositivi di precedente generazione.

Gli RFSoCs Zynq garantiscono prestazioni a livello di sistema da 10 a 20 volte superiori rispetto ad una tradizionale implementazione basata su softcore. I campioni su silicio sono già in consegna ai clienti, ed è attualmente disponibile un programma di accesso prioritario per la famiglia di RFSoC Zynq UltraScale+.

Basati sull’architettura MPSoC UltraScale+ da 16 nm, gli RFSoCs Zynq combinano convertitori dati RF monolitici e unità con algoritmo di correzione degli errori in avanti (FEC) con decisione morbida (SD-FEC) con logica programmabile UltraScale+ ad alte prestazioni in tecnologia da 16nm e un sistema multi-processore ARM® per creare una catena di segnale analogico-digitale completa integrata in un singolo dispositivo monolitico della massima robustezza.

I dispositivi della famiglia includono otto ADC a 12 bit da 4GSPS o sedici da 2 GSPS, otto o sedici DAC a 14 bit da 6.4GSPS, unità SD-FEC con LDPC e Turbo codec per supportare il 5G e la tecnologia DOCSIS 3.1; un sottosistema di elaborazione ARM con unità Quad-Core Cortex™-A53 e Dual-Core Cortex™-R5 e core Nx100G; fino a 930.000 celle logiche e oltre 4200 slice DSP.

Le applicazioni cui la famiglia di RFSoC Zynq si rivolge includono le unità radio remote con hardware massive-MIMO, le infrastrutture mobili a onde millimetriche, le soluzioni 5G in banda base, i punti di accesso a reti wireless fisse, i nodi PHY remoti per i sistemi via cavo, i radar, le unità di test e misura, i sistemi SATCOM e Milcom/Radio per Aeromobili e altre applicazioni RF ad alte prestazioni con vincoli stringenti sui consumi, sulla dissipazione termica, sul fattore di forma, sull’efficienza energetica e sulla flessibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.