Ecco i nuovi cloni a 32 bit di Arduino


Sono iniziate oggi, 21 maggio, le vendite dei nuovi cloni a 32 bit di Arduino  prodotti da Digilent e che utilizzano microcontrollori Microchip a 32 bit con clock a 80 MHz. Sistemi che, almeno sulla carta, dovrebbero surclassare in quanto a prestazioni le board originali Arduino Uno e Arduino Mega, sia per quanto riguarda la velocità di esecuzione dei programmi sia per ciò che concerne le risorse interne, specie per quanto riguarda la memoria. Addirittura la versione più performante dispone di un Ethernet MAC 10/100 e di un CAN controller. Le due nuove schede sono fisicamente compatibili con le board originali e il tutto (hardware e software) è disponibile in versione open-source, con possibilità di sfruttare tutto le applicazioni fin qui sviluppate per Arduino nonché di utilizzare i vari shield presenti sul mercato o realizzati dagli appassionati.
Anche il prezzo di vendita al pubblico è concorrenziale con le board originali: negli USA vengono vendute rispettivamente a 26,95 e 49,50 dollari mentre, ad esempio, sempre negli USA, Sparkfun vende Arduino Uno a $ 29,95 e Arduino Mega a $ 64,95.
Che sia questa l’Arduino killer platform di cui si parla da tempo?

chipKIT Uno32™
È questo in nome della scheda  clone di Arduino Uno; il cuore è il micro PIC32MX320F128H della Microchip con processore MIPS a 32 bit, 80 MHz di clock, 128 K di memoria flash programma e 16 K di memoria SRAM per dati.
La scheda può essere programmata utilizzando un ambiente basato sull’IDE di Arduino modificato per supportare il PIC32; la board, inoltre, è pienamente compatibile con l’ambiente di sviluppo Microchip MPLAB e può anche essere programmata utilizzando una scheda programmer/debugger PICKit3.

 

Queste le caratteristiche della chipKIT Uno32 confrontate con quelle di Arduino Uno:

chipKIT Uno32

  • Microchip® PIC32MX320F128 processor
    -80 MHz 32-bit MIPS
    -128K Flash, 16K SRAM
  • Compatible with existing Arduino™ code examples, reference materials and other resources
  • Can also be programmed using Microchip’s MPLAB (along with a PICkit 3 or 6-pin header)
  • Arduino™ “Uno” form factor
  • Compatible with Arduino™ shields
  • 42 available I/O
  • User LED

Arduino Uno

  • Microcontroller ATmega328
  • Digital I/O Pins 14 (of which 6 provide PWM output)
  • Analog Input Pins 6
  • Flash Memory 32 KB (ATmega328) of which 0.5 KB used by bootloader
  • SRAM 2 KB (ATmega328)
  • EEPROM 1 KB (ATmega328)
  • Clock Speed 16 MHz  

chipKIT Max32™
È il nome della scheda Digilent clone di Arduino Mega; il cuore è il micro PIC32MX795F512 della Microchip con processore MIPS a 32 bit, 80 MHz di clock, 512 KB di memoria flash  programma e 128K di memoria SRAM dati. Inoltre, il processore offre un controller OTG USB 2, 10/100 Ethernet MAC e un dual controller CAN, risorse – queste ultime – cui è possibile accedere tramite un semplice add-on. La scheda può essere programmata utilizzando un ambiente basato sull’IDE di Arduino modificato per supportare il PIC32; la board, inoltre, è pienamente compatibile con l’ambiente di sviluppo Microchip MPLAB e può anche essere programmata utilizzando una scheda programmer/debugger PICKit3.


Queste le caratteristiche della chipKIT Max32 confrontate con quelle di Arduino Mega:

chipKIT Max32:

  •  Microchip® PIC32MX795F512 processor
    -80 Mhz 32-bit MIPS
    -512K Flash, 128K RAM
    -USB 2.0 OTG controller
    -10/100 Ethernet MAC
    -Dual CAN controllers
  • Provides additional memory and advanced communications peripherals
  • Compatible with existing Arduino code examples, reference materials and other resources
  • Can also be programmed using Microchip’s MPLAB (along with a PICkit 3 or 6-pin header)
  • Arduino™ “Mega” form factor
  • Compatible with Arduino™ shields
  • 83 available I/O
  • User LED

 Arduino Mega

  •  Microcontroller ATmega2560
  • Digital I/O Pins 54 (of which 14 provide PWM output)
  • Analog Input Pins 16
  • Flash Memory 256 KB of which 8 KB used by bootloader
  • SRAM 8 KB
  • EEPROM 4 KB
  • Clock Speed 16 MHz

Ecco dove scaricare tutte le informazioni sull’hardware delle nuove schede.

Che pensare? Come dicevo prima, sulla carta tutto gioca a favore delle nuove schede, anche se personalmente ritengo che per mettere in difficoltà un brand così forte come Arduino ci voglia molto tempo. Senza contare la risposta che sicuramente arriverà da parte di Banzi&C, specie sul fronte della connettività Ethernet.


Per quanto riguarda il mondo industriale, ovvero per quelle applicazioni che nascono da Arduino ma che poi vengono customizzate, anche qui il confronto gioca a favore della soluzione Microchip. Infatti, se per il chip utilizzati in Arduino Uno il prezzo dell’AVR è allineato con quello di Microchip, per quanto riguarda la versione Mega, l’Atmega2560 costa attorno agli 8-10 Euro contro i 5-7 Euro del Microchip PIC32MX795F512: ovviamante a parità di quantitativi. Anche qui, però, le politiche commerciali delle Case possono giocare un ruolo importante e non si sa cosa ci riserverà il futuro.
Ce la faranno Digilent&Microchip ad impensierire Arduino?
Aspettiamo le vostre opinioni!
Vai al link Digilent dei nuovi prodotti.

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Un pensiero riguardo “Ecco i nuovi cloni a 32 bit di Arduino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.