Paratutto, il robot portiere di Arneis


Ansia da fine campionato? Con il caldo non si placa la voglia di calcio? Credete di avere un destro infallibile e dagli undici metri non sbagliate un colpo?
Allora siete pronti per la grande sfida con Paratutto il robot-portiere  più forte del mondo, un avversario insuperabile ed instancabile, più veloce di un’auto di Formula 1.
Dimenticate Buffon, Zenga o Tacconi. Altro che Van der Sar, Julio Cesar e Casillas. Paratutto è praticamente infallibile: nemmeno il cucchiaio di Totti o la precisione di Del Piero, Cristiano Ronaldo o Samuel Eto’o gli fanno paura…
La prima occasione di vedere in azione il robot-portiere sarà all’Heineken Jammin Festival di Venezia (9-11 Giugno 2011) dove Paratutto sarà presente, insieme a Lotto, per animare la grande festa! E se Paratutto vi fa impazzire, potrete affittarlo per il vostro evento speciale!

Portare la magia dei robot in mezzo alla gente: è questa l’dea che hanno avuto due giovani imprenditori, Andrea Villa e Stefano Silvera, che hanno fondato l’anno scorso a Torino la società di Marketing e consulenza Arneis proprio con questo scopo.
Il robot è, per antonomasia, il simbolo del futuro; è il sogno di tutti i bambini, raccontato nei libri e visto tante volte nei film. Da “2001 Odissea nello Spazio” e “Guerre Stellari”, passando per “Robocop” e “Wall-e”, chi non ha mai desiderato di interagire con un Eve, R2-D2 o un C1-P8? Arneis nasce proprio per realizzare questo desiderio, offrendo un servizio innovativo e del tutto nuovo: è la prima società in Italia che idea, realizza, affitta e/o vende alle aziende robot per il marketing e la comunicazione.
Finora, al di fuori del contesto industriale, i robot sono comparsi come applicazioni dei Centri di Ricerca oppure come l’opera creativa di qualche artista appassionato del settore. Sono stati utilizzati in qualche occasione come strumenti di marketing esclusivamente da grandi colossi industriali (Toyota, IBM), con facile accesso alle più avanzate tecnologie e ai laboratori R&S delle aziende meccaniche. Da oggi, grazie ad ARNEIS, i robot diventano accessibili anche ad aziende, centri commerciali, strutture di piccole e medie dimensioni che vogliano far sognare i loro clienti in occasioni speciali: eventi, campagne, lancio di nuovi prodotti, inaugurazioni, mostre, fiere.
L’idea è nata constatando come un robot in funzione susciti sempre curiosità e interesse nel pubblico, avvicinando la gente e, per dirla in termini di marketing, abbassando la soglia di contatto. I robot incuriosiscono le persone, le attraggono, le emozionano coinvolgendole in un’interazione assolutamente inaspettata e divertente con la tecnologia.
L’idea di ARNEIS si è concretizzata grazie al grande know-how che il Piemonte vanta nel mondo della robotica. Non tutti sanno che l’Italia, insieme al Giappone e alla Germania, è leader mondiale nella progettazione e produzione di robot e il Piemonte è forse la regione italiana più all’avanguardia nella robotica.
Sono piemontesi gli ingegneri che, insieme a Stefano e ad Andrea, realizzano e assemblano la tecnologia dei robot. Un anno di lavoro già alle spalle, tantissime idee rivolte al futuro e alcuni progetti di grande successo già realizzati.
È di ARNEIS, infatti, “Beatrice”, l’autorevole guida per i turisti alla mostra “Stazione Futuro”, organizzata in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia alle OGR di Torino.


 Per tutti gli appassionati di calcio le emozioni sono garantite dalla sfida “one to one” con  “Paratutto”,  il portiere più forte del mondo, un avversario insuperabile ed instancabile, più veloce di un’auto di Formula 1.


E poi “Movida”, il modello meccanico che riproduce, in maniera elegante, il movimento della corsa, e “ADR”, ispirato al celebre C1-P8 di Guerre Stellari, dotato di un motore elettrico che gli consente di muoversi autonomamente in ambienti sconosciuti e di reagire a stimoli esterni.


www.arneis.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.