Per un appartamento a prova di ladro! I consigli per acquistare un antifurto.


Tempo d’estate, tempo di vacanze e le città si svuotano. Ma prima di partire per le ferie e di lasciare il proprio appartamento incustodito per qualche settimana, la prima mossa da fare è montare una porta d’ingresso blindata preferibilmente dotata di una serratura d’ultima generazione: chiavi piccole, poco ingombranti e difficilmente falsificabili, grazie a una speciale protezione magnetica, simile a quella di alcuni antifurto per auto.
Tuttavia, a volte neanche le porte blindate sono sufficienti a scoraggiare i topi d’appartamento più intraprendenti, che grazie all’utilizzo di ausili di vario genere riescono a intrufolarsi facilmente e a introdursi anche dalle finestre. Chi vive in una casa isolata o al piano rialzato di un edificio in città, deve allora rafforzare tutti gli infissi e, se necessario, dotarsi d’inferriate per assicurarsi un buon livello di protezione.
In ogni caso porte blindate, finestre con chiusure di sicurezza e inferiate sono solamente la base, la cosiddetta “protezione passiva”. Per quanto robusta e accurata, qualunque protezione passiva può essere violata da malviventi dotati di tempo sufficiente e di attrezzature idonee. Ecco perché il piano-sicurezza deve essere implementato con una protezione di tipo attivo, vale a dire con l’installazione, da parte di tecnici qualificati, di un sistema d’allarme antintrusione; dispositivi elettronici che, in caso d’intrusione, mettono in funzione delle sirene e che possono anche avvisare la centrale di polizia per un pronto intervento.
Recentemente l’Istituto Italiano del Marchio di Qualità (IMQ) si è fatto promotore di una serie di consigli e informazioni sul corretto funzionamento di questo genere di impianti per dare a tutti la possibilità scegliere, acquistare e installare l’impianto più adeguato alle proprie necessità.

Gli impianti antintrusione: la protezione attiva con o senza fili
Impianti con fili (via cavo)

 

L’impianto d’allarme cablato, cioè con fili, viene alimentato da un circuito a bassa tensione ed è necessario che tutti i componenti del sistema vengano collegati da una rete di cavi elettrici da incassare nel muro. Alcuni modelli hanno la caratteristica di poter essere inseriti, con i dovuti accorgimenti, nell’impianto elettrico  preesistente, senza dover rompere i muri.
Il vantaggio di questo tipo di allarme è la sua sicurezza: infatti, è sicuro perché tutti i componenti sono collegati da una rete di cavi elettrici e, tagliando i fili, scatta subito l’allarme. Inoltre, non ci sono cavi sui muri. Gli svantaggi risiedono invece sia nei costi di installazione elevati e sia nella necessità di ricorrere a opere murarie se non si è in fase di ristrutturazione o se le canaline dell’impianto elettrico non possono ospitare i fili dell’impianto d’allarme per collegare la centrale, i rilevatori e la sirena.

Impianto senza fili (a onde radio)
In questo tipo d’impianto, i componenti non hanno bisogno di alcun cablaggio e comunicano tra loro via etere, sfruttando le onde elettromagnetiche. Ogni dispositivo è alimentato da batterie a lunga durata. Un primo vantaggio risiede sicuramente nel fatto che l’installazione viene effettuata rapidamente, non richiede lavori di muratura, e consente quindi un risparmio sui costi di manodopera. Inoltre, questo tipo di impianti può essere modificato e ampliato nel tempo e, in caso di trasloco, può essere facilmente reinstallato nella nuova casa. Lo svantaggio di questi dispositivi può consistere nelle problematiche legate alle interferenze radio (non dimentichiamoci infatti che l’etere è utilizzato per tante altre trasmissioni) anche se ultimamente, come meglio illustrato più avanti, la tecnologia si è molto raffinata offrendo prodotti molto più stabili a affidabili.

Gli impianti misti e quelli integrati
Impianto misto
Con parte dell’impianto realizzato via cavo (ad esempio dove sono previste canalizzazioni) e parte via radio. Di solito la posa dei cavi è prevista solo per alimentare la centrale d’allarme e le sirene, mentre gli altri elementi funzionano a onde radio.
Impianto integrato
Con abbinamento delle misure di protezione attiva con quella passiva: una forma di sicurezza integrale che è anche una valida risposta alle tecniche di effrazione più raffinate. In questi dispositivi la serratura elettronica della porta blindata è collegata all’antifurto.

La protezione volumetrica e la protezione perimetrale
Più del 70% dell’efficacia di un sistema d’allarme si deve a una corretta progettazione e installazione, a opera di aziende specializzate, di comprovata e pluriennale esperienza, come quelle registrate presso IMQ, in grado di rilasciare, a lavoro ultimato, la “Certificazione IMQ dell’impianto” quale garanzia dell’utilizzo di apparecchiature certificate e conformi alle norme CEI e dell’esecuzione dei lavori in conformità alla normativa tecnica nazionale. In particolare, la progettazione è un aspetto importantissimo poiché l’impianto antifurto deve essere progettato “su misura” e in base alle caratteristiche dell’abitazione. Bisogna studiare attentamente la planimetria in base alla quale è possibile evidenziare i punti critici a rischio di effrazione, la dislocazione dei locali, il tipo di accessi alla casa e la presenza di terrazzi o balconi. Gli appartamenti meno a rischio sono quelli ai piani intermedi, senza terrazzi o balconi. Inoltre, se i punti di passaggio sono pochi e obbligati, è possibile avere un buon livello di sicurezza con impianti dotati di pochi sensori e, quindi, più economici. Gli appartamenti più a rischio sono quelli a piano terra o ai piani alti, con terrazzi e balconi.
I sistemi di allarme più diffusi sono due: il perimetrale e il volumetrico. Il primo protegge l’abitazione dall’esterno, il secondo dall’interno. L’ideale è integrarli in quanto, se un ladro riesce a superare la protezione perimetrale, scatta l’allarme del volumetrico. Vediamoli in dettaglio:
Sistema perimetrale
Viene installato lungo le pareti esterne dell’abitazione creando così una vera e propria cintura difensiva. Suona solo se vengono aperte finestre, porte finestre e porte di ingresso.
Sistema volumetrico
Per bloccare il ladro che è riuscito a introdursi in casa, è necessario creare un efficace campo di sorveglianza, installando negli ambienti dei sensori detti volumetrici, in grado di intercettare sia una presenza fisica sia una variazione di temperatura o anche solo un movimento. Al passaggio di un individuo, il sensore invia un segnale che fa scattare la sirena o il collegamento con la polizia.

I componenti di un sistema d’allarme
Un impianto antintrusione è sempre composto da tre elementi:

  • La centrale di allarme, completa di alimentatore e batteria di accumulatori, che consente all’impianto di funzionare anche in mancanza di energia elettrica;
  • I rivelatori, che captano i tentativi di intrusione;
  • I dispositivi d’allarme locali e/o remoti (sirene, combinatori telefonici).

Sia un semplice impianto domestico sia quello complesso di una banca hanno sempre questi tre elementi, anche se il loro grado di sofisticazione e il loro numero può cambiare significativamente a seconda dell’applicazione.

La centrale di allarme
È il cuore dell’impianto, perché è l’unità alla quale arrivano i segnali provenienti dai rivelatori e da cui vengono attivati i dispositivi d’allarme quando si trova in presenza di una situazione di allarme. Si tratta di un box metallico o plastico, di piccole dimensioni, che contiene l’elettronica, la batteria di riserva e, eventualmente, un dispositivo di comando. Quest’ultimo è una tastiera mediante la quale, con un codice di sicurezza personale, s’impartiscono gli ordini alla centrale per attivare o disattivare l’impianto. Il dispositivo di comando può essere dotato anche di un codice antirapina, utile quando il ladro costringe con la forza il proprietario di casa a disattivare l’antifurto: digitandolo, vengono inviati segnali di allarme silenziosi attraverso il combinatore telefonico. Le funzioni principali della centrale di allarme sono:

  •  gestire i circuiti in ingresso;
  •  gestire gli organi di comando operatore;
  •  elaborare i segnali ricevuti;
  •  attivare i circuiti di uscita di segnalazione;
  •  fornire le alimentazioni.

Esistono diversi tipi di centrali di allarme ma le caratteristiche devono guidare la scelta sono le seguenti:

  • A ogni rivelatore deve corrispondere un circuito della centralina. Ciò consente, in caso di guasto o di altre necessità, di escludere la singola zona, mantenendo attivo il resto dell’impianto;
  • Le operazioni di inserimento e disinserimento dell’impianto devono essere semplici e le indicazioni chiare e di facile comprensione;
  • La centralina deve essere provvista di una batteria ad accumulatori che consenta un’adeguata autonomia dell’impianto, anche in mancanza di energia elettrica.

Infine, va ricordato che un notevole vantaggio della centrale di allarme dei moderni impianti antintrusione è la possibilità di inserire dei rivelatori di situazioni di rischio, che non hanno nulla a che vedere con la criminalità, come, ad esempio, un rivelatore di gas per segnalare tempestivamente perdite e situazioni anomale o un rivelatore di allagamento, dotato di elettrovalvola di chiusura, situato nelle vicinanze delle lavastoviglie o delle lavatrici.

I rivelatori
Sono quei dispositivi che permettono di rilevare la presenza di un intruso, riconoscendo modificazioni fisiche nell’area protetta che non sono riconducibili a semplici variazioni ambientali. Nel corso degli anni, sono stati messi a punto rivelatori basati su sensori sensibili a diversi principi fisici, cercando via di migliorarne la qualità e di renderli insensibili ai disturbi come animali domestici, spifferi, foglie che cadono evitando falsi allarmi.
Oggi sono disponibili sul mercato vari tipi di rivelatori che funzionano secondo diversi principi fisici. Alcuni rilevano il movimento dell’intruso (rivelatori a microonde e a ultrasuoni), altri rilevano il calore emanato dal corpo dell’intruso (rivelatori a infrarossi passivi), altri, detti “puntuali” (contatti magnetici), rilevano l’apertura non autorizzata di porte e finestre.
Recentemente, sono comparsi anche i rivelatori a “doppia tecnologia”, così chiamati in quanto hanno la caratteristica di racchiudere in una stessa unità sensori sensibili a stimoli di natura diversa (microonde + infrarossi passivi; ultrasuoni + infrarossi passivi). La loro peculiarità consiste nell’integrazione delle componenti creando, ad esempio, funzioni di tipo “and” tra i due canali di rilevazione. Ciò permette di segnalare la condizione di allarme solo quando entrambi i sensori sono stati attivati. Il vantaggio che ne deriva è quello di diminuire in modo significativo l’incidenza dei falsi allarmi.

I dispositivi di allarme
La segnalazione dell’allarme è la funzione fondamentale dell’impianto antintrusione. Una volta che l’informazione di allarme proveniente dai rivelatori arriva alla centrale, questa la memorizza e attiva i dispositivi previsti per segnalare tale situazione. Diverse sono le tecniche di segnalazione in uso. La più comune è quella di emettere suoni di elevata intensità utilizzando dispositivi acustici, come le sirene. Dato il loro costo limitato, è sempre opportuno prevedere l’installazione anche di più dispositivi acustici affacciati su due pareti diverse al fine di renderne più difficile la neutralizzazione. Inoltre, la sirena può essere dotata di lampeggiatore, per facilitare l’individuazione dell’abitazione da cui proviene l’allarme. Data l’importanza di comunicare a qualcuno il compiersi di un tentativo d’intrusione, è consigliabile affiancare alle sirene un combinatore telefonico in grado di inviare uno o due messaggi vocali preregistrati di allarme, utilizzando la normale linea telefonica commutata. Il messaggio viene trasmesso a una serie di numeri telefonici di persone di fiducia memorizzati in fase di installazione dell’impianto o alla sala operativa della locale Questura o a un Istituto di Vigilanza privato.
Il collegamento alla locale Questura è gratuito, ma bisogna considerare che le pattuglie di pronto intervento potrebbero tardare e che un intervento tempestivo non sempre può essere garantito. Il collegamento alla sala operativa di un Istituto di Vigilanza privato, via rete telefonica oppure tramite ponte radio, avviene tramite contratti che garantiscono il pronto intervento e offrono la possibilità di usufruire di servizi specializzati.

 


I sistemi di allarme wireless

I sistemi di allarme elettronici senza fili, altrimenti noti come “wireless”, sono quelli che utilizzano le onde radio per il trasporto delle segnalazioni generate dai rivelatori. Fino a qualche tempo fa non erano molto diffusi nel nostro Paese, soprattutto per la diffidenza da parte degli installatori e utilizzatori, preoccupati per quelli che erano considerati i problemi intrinseci di questo tipo di apparecchiature, ovvero l’incidenza di falsi allarmi dovuta a interferenze radio, la vulnerabilità radio del sistema e la durata effettiva delle batterie che alimentano i sensori. Negli ultimi anni si è assistito, invece, a una diffusione sempre maggiore di questi impianti, le cui tappe più rilevanti sono state: la comparsa dei sistemi radio quarzati, che assicurano una banda di frequenza stabile e la certezza della ricezione del segnale; la disponibilità dell’intera gamma di sensori; la disponibilità di sistemi tele gestiti, che consentono all’installatore di conoscere dalla propria sede, tramite un collegamento sulla rete telefonica, le esigenze di manutenzione e di intervenire a distanza sul sistema. Ecco perché, oggi, è possibile realizzare con i sistemi senza filo impianti antintrusione di elevate prestazioni. Di base, i sistemi antintrusione via radio possono essere parzialmente senza fili o totalmente senza fili. I primi utilizzano gli impulsi radio per la trasmissione dei segnali fra le varie apparecchiature, ma hanno centrale di allarme e sirena esterna collegate alla rete elettrica (tramite l’alimentatore); i secondi trasmettono segnali via radio e si avvalgono di apparecchiature autoalimentate.
Dal punto di vista dell’utente, il funzionamento di un sistema antintrusione via radio è analogo a quello di un sistema via cavo: installazione della centrale di allarme per comandare l’impianto, dei rivelatori per rilevare l’intrusione e dei dispositivi di allarme (sirene e/o combinatori telefonici) per segnalare l’allarme.
I sistemi radio operano prevalentemente nella banda UHF: ogni rivelatore è dotato di un trasmettitore radio miniaturizzato e di bassa potenza, in grado di trasmettere alla centrale non solo lo stato di allarme, ma anche quello di carica della batteria interna. Al fine di evitare che possibili radiodisturbi possano generare condizioni di falso allarme, i vari dispositivi dispongono di un codice programmato nella fase d’installazione, che consente alla centrale di riconoscere il rivelatore. In alcuni modelli, la centrale gestisce anche i segnali di verifica funzionale che i vari trasmettitori periferici devono emettere entro certi intervalli di tempo (ad esempio, una volta al giorno). La loro mancata emissione viene riconosciuta dalla centrale e segnalata. La portata di un impianto senza fili raggiunge i 30-60 m ed è, quindi, più che sufficiente a
coprire via aria le stanze di un appartamento o di un edificio di medie dimensioni. I vantaggi che offrono i sistemi senza fili sono fondamentalmente due: il primo è che permettono di evitare l’esecuzione di opere murarie (cavi sotto traccia, posizionamento di canaline, ecc.) che, in alcuni casi, possono creare seri problemi estetici negli ambienti da proteggere. Si pensi, ad esempio, al fatto di dover operare su pareti tappezzate o addirittura affrescate, con tutte le difficoltà del caso e costi elevati per il ripristino. Il secondo vantaggio è rappresentato dalla rapidità di installazione e, quindi, dai minori costi di messa in opera.

Nell’ambito dei sistemi di sicurezza IMQ opera su due fronti:
1) la certificazione delle apparecchiature e dei componenti destinati agli impianti antiintrusione
2) la qualificazione degli installatori e la certificazione degli impianti.
3)La certificazione delle apparecchiature.

I prodotti destinati a un impianto antiintrusione possono ottenere il marchio “IMQSistemi di Sicurezza” solo dopo aver dimostrato la conformità alle prescrizioni di sicurezza e prestazioni contenute nelle relative norme CEI ed EN. Le apparecchiature ammesse al regime del marchio “IMQ–Sistemi di sicurezza” sono le seguenti:

  • rivelatori;
  • centrali e apparati ausiliari (organi di comando, gruppi di alimentazione, registratori);
  • dispositivi di allarme, comprese le apparecchiature di teletrasmissione.

Tutti i prodotti con marchio “IMQ–Sistemi di sicurezza” sono classificati, in base alle loro prestazioni, in quattro gradi di protezione crescente e quattro classi ambientali come prescritto dalle norme Europee della serie EN 50131.
Anche per i dispositivi senza filo c’è la certificazione “IMQ–Sistemi di sicurezza”. La pubblicazione della norma EN 50131-5-3 ha, infatti, consentito a IMQ di certificare anche questo tipo di prodotti. I sistemi senza filo per i quali IMQ rilascia il proprio marchio funzionano su frequenze ben precise che il Ministero delle Comunicazioni ha riservato a tali sistemi. Il marchio “IMQ–Sistemi di sicurezza” viene concesso, dopo aver verificato la rispondenza alle norme CEI, solo ai sistemi che sono stati omologati dal Ministero. La presenza del marchio IMQ è sinonimo del massimo livello di qualità, affidabilità e sicurezza, requisiti fondamentali soprattutto nel settore degli impianti di allarme.
IMQ è l’unico ente in Italia a gestire un sistema di qualificazione delle ditte installatrici di impianti di allarme riservato alle aziende che vantano almeno un anno di attività nel settore, sono dotate di un sistema qualità aziendale conforme alle norme UNI ENI ISO 9001 e possono garantire la presenza di specifico personale, variabile a seconda del livello di prestazione dell’impianto (quattro livelli a seconda del grado di protezione) per il quale la ditta installatrice viene registrata. Le ditte così qualificate offrono la garanzia di realizzare, nella zona geografica e nei livelli per i quali sono state registrate, solo impianti conformi ai requisiti di sicurezza e prestazioni definiti dalle normative. Nel caso di impianti realizzati con prodotti certificati IMQ-Sistemi di Sicurezza, le ditte qualificate possono rilasciare anche il Certificato IMQ di impianto a ulteriore garanzia per il consumatore dell’affidabilità del lavoro svolto. Il marchio “IMQ–Sistemi di sicurezza” e il Certificato IMQ si traducono per l’utente nei seguenti vantaggi:

  •  garanzia di serietà e professionalità;
  •  installazione di un impianto conforme a una normativa, con apparecchiature certificate e quindi conformi alle normative di prodotto;
  •  possibilità di sconti sul premio della polizza assicurativa presentando il Certificato IMQ. 

Infine ecco alcuni consigli di IMQ per mantenere elevato il livello di protezione domestica:

  •  Per l’installazione, rivolgersi sempre a un installatore qualificato e di provata esperienza.
  • Un installatore qualificato deve essere sempre in grado di garantire un’assistenza continuativa.
  • Tutti i componenti utilizzati in un impianto di allarme devono essere di elevata affidabilità e dare una duplice garanzia: essere conformi alle norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) ed essere certificati da IMQ – Sistemi di Sicurezza.
  • A installazione ultimata, è opportuno effettuare un periodo di prova dell’impianto di una settimana per impratichirsi nell’uso dello stesso e per verificarne il corretto funzionamento.
  • È necessario stipulare con l’installatore un contratto di manutenzione che preveda almeno due visite all’anno al fine di mantenere la perfetta efficienza dell’impianto.
  • Dopo aver effettuato la prima analisi di rischio, continuare a ripetere periodicamente quest’importante verifica. Ad esempio, una modifica della situazione ambientale (rifacimento della facciata) potrebbe aumentare il rischio di intrusione.
  • Ogni volta che l’abitazione rimane incustodita, anche per un breve periodo, è necessario attivare tutte le misure di sicurezza. Capita spesso di venir derubati anche dopo esser usciti da casa per pochi minuti.
  • È utile che i familiari siano al corrente dell’esistenza delle misure di sicurezza e che sappiano attivarle anche da soli, ma è sempre sconsigliabile divulgare queste informazioni a persone che non appartengono alla stretta cerchia familiare.
  • Fra le tante disponibili, scegliere la centrale di allarme più adatta alle proprie esigenze. Alcune visualizzano in chiaro le informazioni, altre trasmettono addirittura le informazioni per sintesi vocale, consentendone in tal modo la percezione anche a chi non ha una vista perfetta.
  • I migliori impianti antintrusione sono quelli che permettono di creare una cintura difensiva intorno all’abitazione, in grado di dare l’allarme non appena il malvivente inizia l’attacco.
  • Un impianto di allarme, per essere realmente efficace, deve poter segnalare l’allarme a qualcuno che possa intervenire tempestivamente (centrale operativa della Questura, Istituto di Sorveglianza privato ecc.).
  • La sicurezza è strettamente legata alla tecnologia e, quindi, deve essere aggiornata nel tempo.

http://www.imq.it/ 

2 pensieri riguardo “Per un appartamento a prova di ladro! I consigli per acquistare un antifurto.

  • 16/07/2011 in 11:02
    Permalink

    grazie per il rinfresco della lezione antifurto,preferisco fai da te e per questo mancano i dati per un impianto tipo da voi consigliato,comunque grazie lo stesso

    Risposta
  • 05/03/2017 in 17:56
    Permalink

    La prima settimana sarà un continuo generare di falsi allarmi. L’antifurto deve essere tarato bene, ti consiglio di non collegarlo alla sirena, almeno all’inizio e di fare molte prove, soprattutto con i sensori PIR.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.