StreetScooter, una vettura elettrica da città a 5 mila euro!


È quanto dovrebbe costare (batterie escluse che vengono affittate) questa mini vettura da città in grado di viaggiare ad una velocità massima di circa 100 km/h e con un’autonomia di 120-130 chilometri. In pratica la prima vettura elettrica low-cost, con un mercato non più di nicchia dal momento che le statistiche ci dicono che il 20-30 % di quanti utilizzano la vettura in città non percorrono più di 60-70 km al giorno. Un mercato, dunque, enorme, anche in considerazione del costo davvero contenuto della vettura. Una vettura che è nata in pochi mesi dalla collaborazione di una cinquantina di aziende con competenze nei vari settori dell’automotive e non, come avviene di solito, partendo da un progetto di una casa automobilistica tradizionale che poi incarica i propri fornitori di realizzare i vari componenti. Questa volta sono stati le aziende di componentistica che –coordinate dal Politecnico di Aquisgrana, in Germania – hanno contribuito attivamente alla progettazione e realizzazione della vettura fornendo, oltre ai componenti, anche la propria esperienza. Una progettazione “collaborativa” del tutto simile alla filosofia dell’open-source hardware e software in elettronica e in robotica. La vettura dovrebbe essere disponibile all’inizio del 2013 e, grazie anche al piano del Governo tedesco che punta ad avere un milione di vetture elettriche circolanti nel paese entro il 2020, è prevedibile un boom di vendite.
Il colosso della logistica DHL ha già ordinato 3.500 esemplari.
Guarda il video della nuova vettura elettrica:


YouTube

Secondo il Prof. Achim Kampker, promotore del progetto, “L’approccio top-down non sfrutta nel migliore dei modi le idee innovative nella catena di fornitura. Ognuna delle aziende che partecipa al progetto può portare le proprie proposte e collabora con gli altri componenti del team a risolvere nel modo migliore le varie problematiche. Solo in caso di conflitto, è il team leader a prendere la decisione finale.” Secondo Kampker questo approccio collaborativo ha ridotto i tempi di progettazione e di realizzazione del primo prototipo di dieci volte “Con un approccio tradizionale, una vettura come questa avrebbe richiesto 12 anni di sviluppo: noi in 12 mesi siamo arrivati al prototipo finale”.
http://www.streetscooter.eu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.