Da Harvard il robot che saltella


robot t

Salta come una rana ed è stampato in 3D, il robot alimentato da butano e ossigeno, realizzato  dagli ingegneri delle Università di Harvard e della California (San Diego), coordinati dal team leader, Nicholas Bartlett.

“Il robot è composto da un mix di materiali morbidi e rigidi, al fine di creare una nuova generazione di automi agili e veloci, più robusti e adattabili rispetto ai loro predecessori, che possono lavorare in sicurezza di fianco agli uomini”, precisa Michael Tolley.

“L’idea ci è venuta osservando la natura e utilizzando le nuove tecniche di produzione, come la stampa in 3D, stiamo cercando di trasporre tutto ciò nella robotica”, conclude.

Gli strati rigidi del robot producono una migliore interfaccia con il cervello elettronico e le fonti energetiche del robot, mentre gli strati morbidi lo rendono meno vulnerabile ai danni, quando atterra dopo aver saltato.

Il robot è formato da una mezza conchiglia, stampata in 3D in un unico pezzo, con nove diversi strati rigidi, che creano una struttura flessibile all’esterno, ma rigida all’interno. Il robot è dotato di una piccola camera dove vengono iniettati ossigeno e butano prima che salti.  Quando i gas vengono iniettati il robot si gonfia e salta.

Quando la carica chimica si è esaurita, l’emisfero inferiore ritorna alla forma originale. Il robot è attualmente in grado di saltare 0,75 metri in altezza e 0.15 lateralmente, compiendo 100 salti.

Fonte:  Harvard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.