World Solar Challenge 2015: primo e secondo posto per i team olandesi


NuonTeam

Dopo cinque giorni di gara e 3.000 chilometri percorso utilizzando esclusivamente l’energia del sole, il team olandese Nuon Solar ha preceduto di quasi 10 minuti sul traguardo di Adelaide, Solar Team Twente, l’altra squadra olandese in gara, aggiudicandosi per la seconda volta consecutiva il primo posto nella classifica della World Solar Challange che è ancora in corso in Australia. Il team Nuon Solar, dell’Università di Delft, aveva già vinto la precedente edizione, quella del 2013.

Sin dalla partenza le due squadre si sono alternate alla testa della gara che quest’anno ha visto la presenza di ben 47 team provenienti da 25 nazioni. Nella prima giornata di gara, tuttavia, dopo un iniziale testa a testa, i due team erano scivolati al terzo e quarto posto, superati dalla vettura Aurum dell’Università del Michigan.

Durante la seconda giornata il duo olandese riprendeva la testa con Red One, la vettura del team Twente, che chiudeva al primo posto, dopo 1.400 km di percorso complessivo con un vantaggio di 5 minuti su Nuon Solar.

Distacco che si riduceva a 10 secondi al termine della terza giornata dopo un testa a testa per altri 700 km. Terza si confermava Aurum con un ritardo di 11 minuti.

Il quarto giorno vedeva il sorpasso del team di Twente da parte di Nuon Solar: nei pressi del villaggio di Pimba, a circa 500 km dall’arrivo, il team dell’Università di Delft passava in vantaggio e arrivava sul traguardo di Port August – termine della quarta tappa, a circa 300 km dalla fine della gara – con 5 minuti di vantaggio su Red One e oltre 40 minuti su Aurum, terzo in classifica.

Nell’ultima frazione di gara Nuon difendeva il proprio vantaggio sia su Red One che su Aurum, chiudendo al primo posto con un tempo complessivo di 37 ore, 56 minuti e 56 secondi, ad una media oraria di circa 80 km/h, con una velocità di punta di oltre 100 km/h misurata nel tratto in discesa che porta a Victoria Square, nel centro di Adelaide, dove era posto il traguardo. Con un ritardo di 8 minuti e 20 secondi si piazzava al secondo posto Red One mentre Aurum veniva superata dal team dell’Università Tokai che si classificava terza.

NuonTeam2

Questo per quanto riguarda la classifica della Challenger Class; nella Cruiser Class al traguardo intermedio di Port Augusta al primo posto è transitata la vettura della Kogakuin University mentre nella Adventure Class al passaggio di Katherine era in testa il team Houston Solar Race.

www.worldsolarchallenge.org

 

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.