ATA5700, ATA5702, soluzione di accesso veicoli per smart-key e indossabili con il minor consumo di mercato


at5700_5702

Microchip annuncia la soluzione Passive Entry/Passive Start (PEPS) con il minor consumo disponibile sul mercato: gli ATA5700 e ATA5702 sono stati progettati per utilizzi principalmente in applicazioni alimentate a batterie quali smart keys (es. PEPS) e accesso complementare ad autovetture tramite dispositivi mobile, smartphone e indossabili, per i quali il basso consumo di potenza è uno dei requisiti fondamentali.

Tra i vantaggi chiave dei nuovi dispositivi ci sono consumo ultra basso, precisione nella localizzazione della chiave senza precedenti, e misure di protezione integrate per counter relay (“man-in-the-middle”) attack. I furti d’auto basati su relay attack di veicoli equipaggiati con sistema PEPS stanno diventando sempre più una delle maggiori preoccupazioni per i produttori di automobili. I due nuovi dispositivi hanno una eccezionale unità di calcolo vettoriale Low Frequency (LF) integrata che consente ai clienti di implementare efficaci contromisure a relay attack, senza costi aggiuntivi.

Aspetti salienti:

  • Utilizzano l’immobilizer protocol open source per interoperabilità
  • Le tecniche vettoriali a bassa frequenza migliorano le stretegie di man-in-the-middle counter attack
  • Consumo ultra basso ed una pecisione di localizzazione della chiave senza precedenti
  • Durata delle batterie fino a tre volte superiore rispetto ai prodotti concorrenti

I nuovi dispositivi si caratterizzano anche per l’eccellente sensibilità alle basse frequenze, abilitando innovative funzionalità quali illuminazione di benvenuto personalizzata all’approccio del veicolo o il “walk-away locking” automatico del veicolo, in un raggio fino a 10 metri. Il consumo di potenza per queste funzionalità “always on” è leader di mercato, triplicando addirittura la durata delle batterie nella modalità di maggiore sensibilità. I dispositivi offrono la più elevata precisione di localizzazione della chiave oggi sul mercato, essenziale per distinguere con esattezza se un portachiavi si trova all’interno o all’esterno del veicolo ed attenersi ai requisiti di precisione imposti dalle compagnie assicurative. Oltre a ciò, i dispositivi contengono una licenza open-source a zero costi, di immobilizer protocol basata su  AES-128 che permette l’interoperabilità, consentendo a clienti large-volume di mettere in atto strategie di second sourcing.

La rapida diffusione delle soluzioni entry passive è spinta dalla crescente domanda da parte dei clienti di comode funzionalità – apertura senza mani, chiusura senza mani, o illuminazione personalizzata di benvenuto -,” ha dichiarato Matthias Kaestner, vice president della  Automotive business unit di Microchip. “Mano a mano che la diffusione di questi dispositivi aumenta, la necessità di un potenziamento nella sicurezza per evitare i furti d’auto assume carattere vitale, e Microchip può fornire esattamente ciò di cui i clienti hanno bisogno.”

Sia l’ATA5700 che l’ATA5702 dispongono di un immobilizer 3D, ricevitori LF 3D di elevata sensibilità, digital processing unit, motore di crittazione a 128-bit, unità LF di calcolo vettoriale, ed un  microcontroller. L’ATA5702 è ulteriormente potenziato con un trasmettitore RF  fractional phase-locked loop (PLL), integrato, al fine di assicurare un collegamento Ultra-High Frequency (UHF) solido ed immune a jammer e disturbatori.

Al fine di facilitare valutazione e sviluppo, Microchip offre l’Atmel Studio 7  per lo sviluppo del software di microcontroller 8-bit AVR, e l’ATAK51004-v2 evaluation kit.

Gli  ATA5700 e ATA5702 sono già in produzione e disponibili in quantità; entrambi i dispositivi sono alloggiati in package  5 x 7 mm QFN wettable flanks.

www.microchip.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.