Sistema di test per radar automotive 76-81 GHz da National Instruments


In occasione dell’European Microwave Week (EuMW 2017), National Instruments ha annunciato la disponibilità del sistema VRTS (Vehicle Radar Test System) in grado di testare la tecnologia radar automotive 76-81 GHz, a partire dal laboratorio di R&D fino alla linea di produzione ad alto volume, prendendo in considerazione singoli sensori radar o completi sistemi di guida assistita (ADAS).

Questo prodotto è disponibile unicamente attraverso alcuni selezionati Alliance Partner che provvedono all’integrazione e forniscono il supporto necessario.

Il VRTS combina un front-end mmWave, un Vector Signal Transceiver (VST) PXI e un software specifico per l’applicazione. A differenza dei tradizionali simulatori di radar automobilistici che sono in grado di generare ostacoli solo per il test di comportamento funzionale, il VRTS integra un generatore / analizzatore di segnali vettoriali da 76-81 GHz progettato per la generazione di ostacoli dinamici e per una completa misura delle caratteristiche RF.  Utilizzando un approccio più completo al test radar che include sia tecniche tradizionali che sistemi hardware-in-loop (HIL), i progettisti possono garantire una più robusta tecnologia di guida autonoma in grado di soddisfare i requisiti normativi in ​​evoluzione.

NI distribuirà i VRTS attraverso i partner specializzati tra cui Hirain Technologies, Konrad Technologies, Linktron e Noffz Computer Technik. I partner VRTS specializzati forniscono software avanzati di test radar e sistemi personalizzati per soddisfare le esigenze del cliente.

Possiamo usare il sistema VRTS per configurare i più avanzati sistemi di test ADAS e per migliorare la sicurezza e l’affidabilità dei veicoli“, ha dichiarato Michael Konrad, fondatore e amministratore delegato di Konrad Technologies e cofondatore del consorzio ADAS Innovation in Test (IIT). “Le avanzate capacità di sincronizzazione di PXI combinate con la facilità d’uso di LabVIEW ci permettono di simulare anche alcuni degli ambienti di fusione più avanzati che combinano GNSS, radar, fotocamere e perfino lidar“.

Il VRTS scala da una configurazione base che può emulare due ostacoli a configurazioni sofisticate che possono emulare quattro ostacoli indipendenti per telaio PXI. Le caratteristiche chiave includono la capacità di simulare la velocità dell’effetto Doppler fino a 250 km/h, una distanza minima di 4 m dall’oggetto, una risoluzione della distanza di 10 cm, il supporto per più angoli di arrivo e sezioni trasversali radar variabili. Il VRTS include sia le capacità di simulazione dell’oggetto che la suite di misurazione radar.

In più i progettisti possono trarre vantaggio dalla flessibilità del software per utilizzare il VRTS per simulare scenari che vanno dal percorso di un pedone che attraversa la strada al cambiamento di corsia. La flessibilità del software VRTS rappresenta un grande vantaggio in quanto consente di adattarsi facilmente agli ambienti normativi in ​​rapida evoluzione.

Più nel dettaglio, come si vede nello schema a blocchi, il cuore del VRTS è un sistema PXI contenente il ricetrasmettitore vettoriale PXIe-5840 e il generatore di ritardo variabile NI-5692 (VDG). Questi moduli funzionano in combinazione con una testa radio NI mmRH-3608 mmWave che fornisce l’interfaccia RF al sensore radar. La testa mmWave dispone anche di un laser per garantire un allineamento preciso tra il DUT radar e la testina del sistema di prova. Un componente chiave del VRTS è il PXIe-5480 VST. Questo strumento effettua l’emulazione degli ostacoli e realizza la misura radar. Utilizzando l’FPGA a bordo del VST, gli ingegneri possono simulare complessi movimenti da parte degli ostacoli; questo ultimi (4 al massimo) possono essere posizionati ad una distanza superiore ai 300 metri con il sistema che garantisce una risoluzione dai 10 ai 12 centimetri. Oltre all’intervallo, gli utenti possono impostare dinamicamente la sezione trasversale radar degli oggetti (RCS) e la velocità (effetto Doppler).

Costruito su un software flessibile e su una piattaforma hardware modulare, il VRTS è l’ultimo sistema di NI. Il VRTS consente agli ingegneri di costruire sistemi di test intelligenti e personalizzati per verificare le prestazioni del sensore radar automobilistico. Gli utenti possono trarre vantaggio dalla produttività degli ambienti software LabVIEW, VeriStand e TestStand, oltre che da un ecosistema di Partner, IP addizionali e ingegneri che consentono di ridurre drasticamente i costi di test, i tempi di commercializzazione e gli eventuali sistemi di test futuri.

www.ni.com/vrts

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.