Il 2017 anno record per la distribuzione di semiconduttori in Europa


Lo segnala DMASS, l’associazione europea dei produttori e distributori di semiconduttori, che ha diffuso le statistiche ufficiali del 2017, unitamente a quelle del quarto trimestre. Negli ultimi tre mesi dell’anno le vendite di semiconduttori riportare dai membri dell’associazione (le statistiche di DMASS coprono circa l’80-85% del mercato) hanno raggiunto i 2,01 miliardi di Euro, con un incremento dell’11,6 % rispetto al 2016, il più alto trimestre invernale mai registrato da DMASS. L’intero anno 2017 ha chiuso a 8,5 miliardi di Euro con un incremento del 14,6% altro record storico per il merco dei semiconduttori.

Georg Steinberger, presidente di DMASS, commenta: “Una combinazione di diversi fattori ha portato a questo nuovo record: alta domanda in tutti i settori, lunghi tempi di consegna e aumento dei prezzi, nuove ed entusiasmanti tecnologie, maggior penetrazione nelle applicazioni esistenti della tecnologia dei semiconduttori. Vediamo, tuttavia, un lieve rallentamento del tasso di crescita e un elevato portafoglio ordini, la cui combinazione potrebbe preludere ad un aumento del rischio per l’anno in corso. Il primo trimestre 2018 mostrerà in che direzione si muoverà l’anno.”

Per quanto riguarda le aree geografiche, il quarto trimestre è risultato sopra la media per Nord Europa, Benelux, Penisola Iberica, Italia, Europa dell’Est, Turchia e Israele, con la Germania che si colloca nella media di mercato. Per l’intero anno fiscale, sono stati principalmente il Sud Europa e l’Est che hanno guidato la crescita delle vendite di semiconduttori. Nel quarto trimestre, la Germania è cresciuta dell’11,7% a 597 milioni di Euro, l’Italia del 13,8% a 170 milioni di Euro, la Francia (+ 9,8%) ha raggiunto 143 milioni di Euro e ha superato il Regno Unito (+ 5,3% a 142 milioni Euro). Il Nord Europa ha chiuso con un + 20,8% a 184 milioni di Euro e l’Europa dell’Est con un + 12,4% a 316 milioni di Euro.

Commenta ancora Georg Steinberger: “Si conferma la tendenza di lungo termine di uno spostamento delle vendite dall’Ovest all’Est, con la Germania che è passata da una quota di mercato del 34% al 30% circa.”

Per quanto riguarda le categorie merceologiche,il quarto trimestre 2017 ha visto ottime prestazioni per Discreti, Power, Sensor, Opto e Memory, mentre il mercato Analog, MOS Micro e Logic  (programmabile e standard) è un po’ in ritardo. Le vendite di componenti analogici sono cresciute “solo” dell’8,5% a 571 milioni di Euro, MOS Micro del 9,9% a 424 milioni di Euro (guidato principalmente da MCU di fascia alta), Power del 23,9% a 209 milioni di Euro, Opto del 14,5% a 211 milioni di Euro, Memorie del 18% a 170 milioni di Euro e logica programmabile dell’1% a 139 milioni di Euro.

Conclude Georg Steinberger: “È interessante notare che i gruppi di prodotti più forti storicamente sono quelli che nel 2017 hanno registrato percentuali di crescita inferiori alla media, sia nel quarto trimestre che nell’intero anno: Analog, MOS Micro e Logic. Per quanto riguarda i singoli prodotti, nel 2017 i più gettonati sono stati MOSFET di potenza e MCU di fascia alta.

dmas.com

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *